rss Primo Piano

Programmazione biennale beni e servizi, art. 1 comma 505 della Legge stabilità 2016

Per consentire alle amministrazione pubbliche di comunicare al Tavolo Tecnico dei Soggetti Aggregatori i dati della programmazione biennale degli acquisti di beni e servizi di importo unitario stimato superiore a 1 milione di euro, così come previsto dall'art. 1 comma 505 della Legge stabilità 2016, viene reso disponibile, nell'area Soggetti Aggregatori del portale "Acquisti in Rete", il tracciato standard da utilizzare e le modalità di trasmissione.


NUOVO CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI: AUDIZIONE DELLA CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Si è svolta lo scorso 4 ottobre presso le Commissioni riunite Ambiente di Camera e Senato l’audizione dei rappresentanti della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nell'ambito dell'indagine conoscitiva sullo stato di attuazione e sulle ipotesi di modifica della nuova disciplina sui contratti pubblici. La delegazione guidata dal vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, coordinatore della Commissione infrastrutture della Conferenza, ha presentato un documento, predisposto con il supporto di ITACA ed adottato dalla stessa Conferenza delle Regioni, contenente le osservazioni regionali. “Le Regioni – ha spiegato Bonavitacola - hanno espresso parere favorevole al nuovo Codice dei contratti pubblici con alcune osservazioni e richieste emendative. Abbiamo apprezzato la leale collaborazione del Governo nei lavori di predisposizione del provvedimento, e quindi il parere è sostanzialmente positivo. Della riforma del settore dei contratti pubblici condividiamo infatti anche l’impianto generale e gli obiettivi, come quello di qualificare tutti gli attori pubblici interessati. Restano però alcune criticità – evidenza Bonavitacola - nell’attuazione alle nuove disposizioni. Va migliorata la semplificazione, l’efficienza e la rapidità operativa, al fine di non allungare ulteriormente il processo di realizzazione di un’opera pubblica. Le Regioni ritengono pertanto possibile – afferma Bonavitacola - conciliare l’efficienza amministrativa con i principi di trasparenza e moralità pubblica. Siamo convinti della centralità delle opere pubbliche per rilanciare l’economia del nostro Paese, ma per raggiungere questo obiettivo vanno superati tutti gli ostacoli normativi, compreso il rigido rispetto dei saldi di bilancio, che si frappongono ancora all’agilità del percorso attuativo. Ad esempio alcuni istituti nel nuovo Codice sono talvolta regolati da disposizioni collocate in diverse sue parti, e quindi chi lo deve applicare può avere difficoltà nell’accedere al completo quadro normativo. Per tale aspetto – sottolinea Bonavitacola - un ruolo di supporto potrebbe essere fornito dalla Cabina di Regia e dall’ANAC nell’ambito delle competenze previste dal Codice”.


AGGIORNATI I CAPITOLATI TECNICI ITACA-ANIE PER IMPIANTI ELETTRICI, ELETTRONICI E AUSILIARI

Sono stati aggiornati i Capitolati tecnici ITACA-ANIE dedicati ad impianti elettrici, elettronici e ausiliari. Nell’ambito della collaborazione decennale di ITACA ed ANIE (Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche), sono stati aggiornati i Capitolati tecnici per la realizzazione di impianti elettrici, elettronici ed ausiliari. In particolare sono stati sviluppati una serie di capitolati dedicati a diverse tipologie di strutture:

▪ Palazzi e uffici
▪ Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA)
▪ Edifici residenziali
▪ Edifici scolastici
▪ Strutture ospedaliere

La struttura dei Capitolati tecnici è flessibile oltre che di semplice utilizzo e consultazione. La compongono schede scaricabili gratuitamente in formato pdf, costantemente aggiornate, a garanzia del rispetto della normativa vigente e quindi della regola dell’arte. In questo modo le indicazioni fornite permettono di realizzare impianti sicuri utilizzando prodotti di qualità.


ELENCO ANAGRAFE 2015 OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE

Sono complessivamente 874 le opere pubbliche incompiute pubblicate lo scorso 30 giugno nell’elenco anagrafe del Servizio Contratti Pubblici del Ministero delle infrastrutture e trasporti, rilevate con riferimento all’anno 2015. Rispetto allo scorso anno si evidenzia un lieve aumento delle incompiute censite, con riferimento al 2014, pari a 868. Si può considerare quindi una certa stabilizzazione del numero delle opere in rapporto alle annualità precedenti, se consideriamo che nel 2013 sono state rilevate 689 incompiute e 571 riportate invece nell’elenco del 2012, il primo redatto e pubblicato.


DOCUMENTO DI GARA UNICO EUROPEO

Linee guida n. 3 del 18 luglio 2016 per la compilazione del modello di formulario di Documento di Gara unico Europeo (DGUE) approvato dal Regolamento di esecuzione (UE) 2016/7 della Commissione del 5 gennaio 2016
L’articolo 85 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 (nuovo Codice dei contratti), nel recepire l’articolo 59 della direttiva 2014/24/UE, ha disciplinato il Documento di gara unico europeo (DGUE).
La finalità del DGUE è quella di semplificare e ridurre gli oneri amministrativi che gravano sulle amministrazioni aggiudicatrici, sugli enti aggiudicatori e sugli operatori economici attraverso l’adozione di un unico modello autodichiarativo per la partecipazione alle procedure ad evidenza pubblica.


NUOVI STRUMENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA SOSTENIBILITA’ ENERGETICA E AMBIENTALE DEGLI EDIFICI - Aggiornamento della UNI/PdR 13:2015; nuovo “Protocollo ITACA per gli edifici non residenziali”; avviamento del Registro Nazionale ITACA.

Aggiornata e ripubblicata da UNI la prassi di riferimento UNI/PdR 13:2015 “Sostenibilità ambientale nelle costruzioni - Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità” per gli edifici residenziali, in conseguenza dell’emanazione dei recenti decreti ministeriali che hanno modificato sostanzialmente modalità e metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche. Tale adeguamento è stato verificato nell’ambito del gruppo di lavoro interregionale per l’edilizia sostenibile e approvato dal Tavolo UNI, e si dovranno attivare i lavori per l’elaborazione della parte relativa agli edifici non residenziali. Con questa iniziativa si accorpano tutti i “Protocolli ITACA” fino ad oggi in vigore, relativi alle diverse destinazioni d’uso, che a breve confluiranno nelle varie Sezioni della UNI/PdR 13, proseguendo così la collaborazione tra ITACA e UNI finalizzata all’evoluzione dei diversi protocolli nelle norme tecniche nazionali di riferimento.


archivio >>

rss News

VALUTAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE EDIFICI: LA REGIONE MARCHE AGGIORNA LE LINEE GUIDA E ORGANIZZA CORSI GRATUITI PER 242 TECNICI

01/09/2016 - Aggiornate le linee guida per la valutazione energetico ambientale degli edifici residenziali. La giunta delle Regione Marche ha approvato la modifica su proposta della vicepresidente Anna Casini che è anche presidente dell’Istituto per la certificazione degli appalti e la compatibilità ambientale (ITACA), lo stesso che a livello nazionale ha dettato la nuova Prassi di riferimento per il settore. “Nella doppia veste di presidente di Itaca e assessore della Regione capofila al tavolo interregionale per l’edilizia sostenibile – ha spiegato Casini – ho ritenuto opportuno che le Marche fossero tra le prime a dare il buon esempio adeguandosi alle direttive di Itaca riguardo ai nuovi decreti per la certificazione energetica che hanno modificato sostanzialmente modalità e metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche. Si tratta di un tema tecnico e complesso per i non addetti, ma particolarmente importante per tutti i cittadini perché incide fortemente sulla qualità delle nostre abitazioni e di conseguenza anche sulla qualità della nostra vita e dell’ambiente circostante.


Nuovo prezziario delle opere edili in Liguria

21/06/2016 - E' stato approvato dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore alle Infrastrutture e all'ambiente Giacomo Giampedrone il nuovo prezziario delle opere edili in Liguria. Il prezziario, che sarà on line e accessibile a tutti gratuitamente, prende in esame circa 7.500 voci, costantemente aggiornate e rese disponibili a tutti i soggetti interessati. Tutte le voci e i prezzi saranno utilizzabili da tutti gli operatori, sia pubblici che privati e scaricabili.


Pubblicato il rapporto sugli appalti pubblici in Alto Adige: assegnate gare per 985 milioni di euro, la parte del leone le fanno le aziende locali.

02/05/2016 - Nel corso del 2015, in Provincia di Bolzano, sono stati assegnati incarichi pubblici per 985 milioni di euro, e l’83,3% delle gare è andato ad aziende con sede in Alto Adige. Questi i dati principali che emergono dal Rapporto sugli appalti pubblici in Alto Adige elaborato dall’Agenzia per i procedimenti e la vigilanza in materia di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. La percentuale di appalti “made in Südtirol” sale addirittura al 92,4% se si considera solamente il settore dei lavori pubblici, mentre per quanto riguarda il valore economico delle gare, quelle aggiudicate ad aziende locali coprono il 70,3% dell’impegno finanziario totale. Un dato da non sottovalutare, soprattutto se si pensa che nel 2011 questa cifra si attestava al 47,4%.


Approvato il Prezzario 2016 dei Lavori pubblici della Toscana

15/04/2016 - La Regione Toscana ha approvato il Prezzario 2016 dei lavori pubblici che entra in vigore dal 14 aprile 2016. Il prezzario è lo strumento di riferimento per la elaborazione dei capitolati e per la definizione degli importi posti a base di appalto, nonché per le valutazioni relative alle anomalie delle offerte. La sua applicazione è obbligatoria per tutti gli enti soggetti alla legge regionale 38/2007, i quali, se intendono discostarsene, devono fornirne motivazione. Anche il Provveditorato interregionale alle Opere pubbliche per le Regioni Toscana, Marche e Umbria ha adottato il Prezzario dei Lavori pubblici della Toscana quale prezzario di riferimento su tutto il territorio regionale. I prezzi hanno validità fino al 31 dicembre 2016, e possono comunque essere utilizzati fino al 30 giugno 2017. Sono stati rilevati e approvati su scala regionale (ad esclusione del costo della manodopera che è fornito su base provinciale) e derivano da un'articolata rilevazione sul territorio regionale e nazionale, riferita all'ultimo trimestre 2015. Sono stati accertati dalle Commissioni "Edilizia" e "Impianti", istituite presso Unioncamere Toscana e operanti su base regionale. Il prezzario 2016 è composto dalle Analisi delle opere compiute, dagli Elenchi Prezzi di Tipologie e Famiglie, suddivisi per ciascun ambito provinciale della Toscana, nonché dalla Nota metodologica 2016 e dalla Guida delle lavorazioni e Norme di misurazione 2016 Nella "Nota metodologica 2016" si esplicitano i criteri di formazione del Prezzario e le principali novità dell'edizione 2016, mentre la "Guida delle lavorazioni e norme di Misurazione 2016" contiene le descrizioni e le norme di misurazione di alcune tipologie di opere contenute nel Prezzario e fornisce indicazioni operative per l'esecuzione delle relative lavorazioni. A partire dal 2016 il Prezzario contiene anche due sezioni dedicate alle Tipologie delle Opere forestali e Opere agricole. Tali nuove Tipologie, unitamente a quelle già presenti nel Prezzario, quando indicato in specifici atti regionali, possono essere utilizzate anche per la verifica della congruità dei prezzi applicati ai fini della concessione di contributi pubblici. Ai fini della semplificazione, il Prezzario 2016 è pubblicato in forma dematerializzata ed è reso disponibile per la consultazione, esportazione e stampa da parte di chiunque ne abbia interesse ai seguenti indirizzi: http://prezzariollpp.regione.toscana.it/


archivio >>

rss Convegni

15/12/2016
h: 9.15
La qualificazione delle stazioni appaltanti: il ruolo chiave degli strumenti, delle competenze e dell'organizzazione

Sede: Educatorio di Fuligno - Sala Chiesa - Via Faenza,48 - Firenze - Organizzazione: Promo P.A. Fondazione


12/12/2016
h: 14.30
Come cambiano le Regioni - Funzioni, risorse e compiti.

Sede: Sala del Refettorio - Via del Seminario,76 - Camera dei Deputati - Roma - Organizzazione: Irpet-Eupolis Lombardia-Ipres-Liguria Ricerche-Srm-Ires


05/12/2016
h: dalle 9.00 alle 17.00
Legal Bim - Modellazione Informativa e Nuovi Modelli Contrattuali

Sede: Sala Napoleonica - Università Statale - Via Sant'Antonio,12 - Milano - Organizzazione: Legal Bim



rss Rassegna stampa

05/12/2016 - Il Sole 24 Ore - Edilizia e Territorio Cosenza, lotto da 550 milioni

05/12/2016 - Il Sole 24 Ore - Edilizia e Territorio Salerno - Reggio, nel 2017 gare per 250 milioni nel 2018 gli ultimi 700 milioni

05/12/2016 - Il Sole 24 Ore - Edilizia e Territorio Salerno - Reggio, 1 miliardo di lavori

05/12/2016 - Il Sole 24 Ore - Edilizia e Territorio Appalti, via alla cabina di regia per il correttivo

28/11/2016 - La Gazzetta del Mezzogiorno Statale 275, appello a Delrio

archivio >>