Pubblicazioni

Rapporto 2012, Il sistema delle costruzioni in Italia

Autori: FEDERCOSTRUZIONI

Editore: FEDERCOSTRUZIONI

Pubblicazione: 2013

   
Il Rapporto 2012 di Federcostruzioni su “Il sistema italiano delle costruzioni”, che fornisce la fotografia dell'industria italiana delle costruzioni. Un'industria che, rivela l'indagine, vale 373 miliardi di euro, occupa circa 3 milioni di addetti - senza contare l’indotto a sua volta generato - e che va ad impattare in termini di. acquisto di beni e servizi presso l’80% dei settori che formano l’economia nazionale complessiva. A formare questi dati contribuiscono il settore delle costruzioni in senso stretto, attraverso i cantieri attivati nel Paese (206 miliardi) e i settori che alimentano direttamente le costruzioni attraverso beni materiali e servizi: il settore industriale delle tecnologie, macchinari e impianti e il settore commerciale delle macchine movimento terra (58,6 miliardi); le industrie dei materiali per edilizia e infrastrutture e i relativi servizi commerciali (85,8 miliardi); i servizi di progettazione e consulenza (22,6 miliardi).

I'm a City changer, La sostenibilità nell'edilizia residenziale

Autori: vari

Editore: Edizioni Graffiti

Pubblicazione: 2013

   
Questa pubblicazione è il risultato di un concorso promosso dall'Associazione Costruttori Edili di Napoli, con la collaborazione di World Urban Campaign e Un-habitat, con il patrocinio di ITACA Istituto per l'Innovazione e Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale, GBC Italia Green Building Council, e con il sostegno delle Facoltà Architettura e Ingegneria dell'Università degli Studi di Napoli Federico II, le Facoltà Architettura e Ingegneria della Seconda Università degli Studi di Napoli, la Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi di Salerno, la Facoltà Ingegneria dell'Università degli Studi di Napoli Parthenope, la Facoltà di Ingegneria dell'Università degli Studi del Sannio, l'Ordine degli Architetti pianificatori paesaggisti e conservatori di Napoli e provincia, l'ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. La redazione del volume è stata curata dall'ACEN con la collaborazione di Barbara Rubertelli (coordinamento scientifico e redazionale) e di Federica Russillo (collaborazione alla redazione), nonché dei progettisti delle idee vincitrici e selezionate (elaborazioni grafiche).

Come acquista la Pubblica Amministrazione, I° Rapporto nazionale 2012

Autori: Università degli Studi di Roma Tor Vergata e Promo PA Fondazione

Editore: EDILSTAMPA editrice dell'ANCE

Pubblicazione: 2013

   
Gli obiettivi della ricerca sono: 1. approfondire la tematica del miglioramenti dell’efficienza e l’efficacia del procurement pubblico ai fini del contenimento della spesa pubblica e in generale del miglioramento della performance della PA dal punto di vista dell’efficacia, dell’innovazione e della trasparenza dell’azione amministrativa; 2. ricostruire il profilo professionale dei Responsabili Acquisiti nella PA centrale e locale in un momento in cui il tema della professionalizzazione è funzionale al raggiungimento di obiettivi di efficacia e di efficienza; 3. ricostruire le dinamiche innovative del settore sviluppando focus di approfondimento annuali che derivano dai temi di maggiore attualità e dalle esigenze emerse dal confronto con gli stessi buyer. Nel dettaglio il rapporto si concentra sui seguenti filoni di indagine: • il profilo professionale del buyer: livello di anzianità nella funzione acquisti; analisi delle competenze dei responsabili, adeguatezza e soddisfazione verso i percorsi formativi, valutazione dei sistemi retributivi; • l’analisi delle procedure di scelta del contraente, segmentate per tipologia di ufficio, area geografica e livello di aggregazione della domanda; • l’e-procurement: livello di utilizzo delle tecnologie informatiche e telematiche applicate agli appalti, impatto strategico dell’e-procurement sull’organizzazione degli Enti e sulle competenze del personale, problematiche e vantaggi legati all’uso delle Convenzioni e del Mercato Elettronico; • valutazione della performance dei fornitori e delle stazioni appaltanti: aspettative degli enti, strumenti e tecnologie più utilizzate, evoluzione nei sistemi di monitoraggio e controllo delle forniture; • gli oneri burocratici della filiera del public procurement: valutazione del livello di onerosità degli oneri amministrativi legati alla filiera degli appalti, impatto delle tecnologie informatiche e telematiche sui processi di semplificazione negli appalti, analisi della percezione dei buyer circa le nuove normative in materia di tracciabilità; • trasparenza negli appalti: efficacia delle misure anticorruzione e anticollusione oggi esistenti, valutazione del livello di conoscenza e utilizzo dei Codici Etici nella PA, misure per rendere più trasparenti i rapporti con il mercato della fornitura. La ricerca intende infine rappresentare un contributo alla riflessione e al dibattito in corso sull’emanazione della nuova Direttiva Appalti. La metodologia e campione di indagine: la ricerca si basa su un’ indagine telefonica (realizzata con tecnica CATI) rivolta a circa 600 Responsabili Acquisti (dirigenti o comunque personale con funzioni di vertice nel settore degli acquisti dell’Ente), selezionati all’interno della P.A. centrale e locale. L’indagine quantitativa coinvolge uffici di Ministeri, Regioni, Province, Comuni oltre i 25.000 abitanti, ASL, Università e società multiutilities.

Imprese e burocrazia. Settimo Rapporto Nazionale 2012., Come le piccole e micro imprese giudicano la pubblica amministrazione

Autori: PROMO P.A. FONDAZIONE

Editore: FrancoAngeli

Pubblicazione: 2013

   
Il Settimo Rapporto "Imprese e Burocrazia", realizzato da Promo P.A. Fondazione, si caratterizza, come ogni anno, per un'attenzione specifica al sistema delle Micro e Piccole imprese italiane (P.M.I.C.), facendosi interprete delle esigenze di un mondo scarsamente valorizzato a livello politico-istituzionale ma che contribuisce in maniera determinante all'occupazione e alla produttività del Paese. La ricerca fornisce una stima dei costi legati agli adempimenti burocratici e si avvale a questo scopo di serie storiche significative, che consentono una lettura diacronica dei fenomeni presi in esame. Il volume approfondisce quest'anno alcune questioni strategiche per il futuro del nostro sistema produttivo, come l'internazionalizzazione e le reti di impresa, nella convinzione che soltanto sostenendo le imprese nell'accesso ai mercati esteri e nel rafforzamento dei processi di partenariato e cooperazione si può uscire dall'attuale situazione di crisi economica e occupazionale. Particolare attenzione viene poi rivolta ai provvedimenti varati nell'ultimo anno in materia di semplificazione e in particolare alla recente riforma del mercato del lavoro, al fine di comprenderne l'impatto effettivo sulle imprese più piccole. Vengono infine riproposti il focus appalti e il tema cruciale "dei ritardati pagamenti" della PA, che proprio negli ultimi mesi hanno contribuito ad accrescere la situazione di sofferenza e disagio del tessuto imprenditoriale . Il campione di indagine è composto da 1.872 imprese, con un sovracampionamento per le regioni Lombardia e Veneto. La tecnica di campionamento è stata costruita assicurando la rappresentatività per ambito territoriale, classi di addetti e macrosettore di attività.

Protocollo della Qualità Urbana di Roma Capitale, Definire e valutare la qualità dei progetti urbani complessi

Autori: Assessorato all’Urbanistica di Roma Capitale\

Editore: ROMA CAPITALE

Pubblicazione: 2012

   
Nato dalla collaborazione tra Roma Capitale, AUDIS e Risorse per Roma SpA, il Protocollo della qualità urbana di Roma Capitale è uno strumento di lavoro condiviso tra pubblico e privato da applicare ai progetti di trasformazione urbana complessa, così da garantire: la Qualità complessiva della città, la Qualità della vita dei suoi abitanti e la contrazione dei tempi di programmazione e attuazione dei progetti. Il Protocollo si articola in due parti: la Matrice delle Qualità, una checklist di parametri e indicatori ai quali i progetti devono rispondere, e una revisione delle Procedure amministrative che, a norma invariata, consente di accelerare i tempi di attuazione. Questo strumento permette di definire e valutare la qualità dei progetti urbani complessi per proporre soluzioni adatte allo sviluppo in un’ottica di rigenerazione urbana integrata e sostenibile a livello europeo, conferendo maggiori certezze all'Amministrazione Pubblica, alle imprese, ai cittadini e agli investitori. I progetti di trasformazione urbana vanno considerati come un fattore di sviluppo per tutta la collettività con forti ricadute sull’economia locale e nell’ambito sociale.

28a rilevazione annuale sul settore delle società italiane di ingegneria, Consuntivo 2011 - Previsioni 2012

Autori: OICE

Editore: CONFINDUSTRIA

Pubblicazione: 2012

   
La Rilevazione annuale sull'andamento delle società italiane di ingegneria nel 2011 e sulle previsioni per il 2012 stilata dall'OICE conferma il trend, ormai consolidato, di due situazioni sostanzialmente diverse tra chi opera prevalentemente sul mercato italiano e che si è strutturato per essere competitivo anche oltre confine. Nei confini nazionali, la crisi del settore è ormai conclamata. Il calo della domanda pubblica di servizi di ingegneria non pare trovare limiti: secondo i dati dell'ultimo osservatorio OICE sugli appalti pubblici nei primi nove mesi del 2012 si è perso il 22,4% rispetto agli stessi mesi del 2011. E' diminuito il fatturato prodotto, si è ridotta l'occupazione, si è abbassata la redditività ed è ancora alta la quota di domanda pubblica che non arriva al mercato a causa dell'attività in house e della parcellizzazione degli incarichi. La situazione è invece meno problematica per quelle società che hanno attività su mercati esteri.

Rapporto OICE sulla domanda pubblica dei servizi di ingegneria e architettura, gennaio 2010 - giugno 2012

Autori: OICE

Editore: CONFINDUSTRIA

Pubblicazione: 2012

   
Continua ad attraversare un periodo di crisi il mercato dei servizi di ingegneria e architettura. Calo del fatturato, della produttività e dell’occupazione, nonché una forte contrazione della domanda pubblica. E’ questa la fotografia del settore scattata dal Rapporto Oice sulla domanda pubblica dei servizi di ingegneria e architettura, che prende come riferimento il periodo gennaio 2010-giugno 2012. Dati positivi solo per il mercato estero. La Rilevazione, curata dall’Ufficio Studi dell’Oice (associazione delle organizzazioni di ingegneria, architettura e di consulenza tecnico-economica) conferma così due tendenze opposte: da una parte, il mercato nazionale che è rimasto bloccato (-22,4% nei primi nove mesi del 2012 rispetto allo stesso periodo del 2011) soprattutto per via della contrazione della domanda pubblica, della sempre più massiccia presenza di “progettisti pubblici” e della parcellizzazione degli incarichi; dall’altra, la strutturazione di alcune imprese per essere competitive fuori confine. Analizzando i risultati dell'indagine, svolta su un campione di 145 aziende sulle 496 aderenti all'OICE, emerge come nel 2011 il valore della produzione ha subito una nuova flessione (-1,8%) che si somma a quella avuta nel 2010 (-8,9%). La domanda interna rivolta al settore continua a mostrare nel 2011 tendenze recessive confermate dalla caduta del valore della produzione conseguita sul mercato nazionale (-5,3%) mentre un contributo positivo al sostegno dei livelli di attività è provenuto dalla domanda estera (+3,1%). A tenere sono anche i progetti di ingegneria integrata "chiavi in mano" (+0,3%), con un aumento del 2,4% nel numero degli occupati. Le previsioni per il 2012 prospettano un incremento del 40% e del 37% nella domanda estera e di turn key, creando così le condizioni per un parziale recupero dei livelli produttivi nazionali persi (anche negli anni precedenti) e per un incremento nell’occupazione.

Imprese e burocrazia: come le Micro e Piccole Imprese giudicano la Pubblica Amministrazione, Sesto Rapporto Nazionale - 2011

Autori: PROMO P.A. FONDAZIONE

Editore: FrancoAngeli

Pubblicazione: 2012

   
La ricerca, promossa dalla Camera di Commercio di Milano da Unioncamere Lombardia e da CONSIP si pone i seguenti obiettivi: - monitorare l'andamento dei costi legati agli oneri burocratico-amministrativi delle aziende e il livello di soddisfazione delle PMI italiane in rapporto con la PA, grazie anche alle storiche maturate nel corso delle precedenti edizioni della ricerca - valutare come si stanno evolvendo le pubbliche amministrazioni locali dal punto di vista della capacità di supportare il sistema delle piccole e medie imprese e quindi di attrarle e mantenerle sul territorio - analizzare e valutare il posizionamento della PA italiana rispetto alle performance europee in materia di riduzione degli oneri burocratici e semplificazione amministrativa

Come acquista la Pubblica Amministrazione , II° Rapporto nazionale 2011

Autori: Università degli Studi di Roma Tor Vergata e Promo PA Fondazione

Editore: EDILSTAMPA editrice dell'ANCE

Pubblicazione: 2012

   
Giunta alla sua seconda edizione, l’indagine “Come acquista la PA” rappresenta un appuntamento annuale di riflessione e approfondimento sul profilo professionale dei Responsabili Acquisiti nella PA centrale e locale. Gli obiettivi della ricerca sono: 1. consolidare la riflessione avviata lo scorso anno su come migliorare l’efficienza e l’efficacia del procurement pubblico ai fini del contenimento della spesa pubblica e in generale del miglioramento della performancedella PA; 2.ricostruire il profilo professionale dei Responsabili Acquisiti nella PA centrale e locale in un momento in cui il tema della professionalizzazione è funzionale al raggiungimento di obiettivi di efficacia e di efficienza; 3.avviare una prima riflessione sul mondo dei lavori, attraverso un’analisi qualitativa che fornisce alcune linee di tendenza sull’evoluzione del comparto. L’idea è quella di contribuire a creare una “Community di professionalità”, più parti distinte: nella prima parte viene trattato, analogamente allo scorso anno, il consapevole del proprio ruolo e della strategicità della funzione e allo stesso tempo capace di fornire informazioni preziose al policy maker ed all’intera comunità politico-istituzionale che ruota attorno al sistema dei Contratti Pubblici. A differenza della prima edizione, si è voluto quest’anno articolare la ricerca in due tema degli acquisti di beni e servizi, mentre, nella seconda parte, novità assoluta del 2011, si è tentato un primo approfondimento sul tema, altrettanto strategico e complesso, dei lavori.

PROGETTARE L'EFFICIENZA DEGLI EDIFICI, Certificazione di sostenibilità energetica e ambientale

Autori: Marco Casini

Editore: DEI - Tipografia del Genio Civile

Pubblicazione: 2012

   
La normativa comunitaria e nazionale ha introdotto importanti requisiti minimi da rispettare, sia per gli interventi di nuova costruzione che per quelli di ristrutturazione, richiedendone la certificazione di parte terza. Il rispetto di tali requisiti, oltre a costituire elemento imprescindibile per la realizzabilità degli interventi edilizi, rappresenta condizione indispensabile per l'ottenimento di incentivi ed agevolazioni anche economici. Il volume, sudduviso in tre parti, tratta i temi della sostenibilità energetica e ambientale degli edifici e dei sistemi per la loro valutazione e certificazione. La prima parte affronta gli aspetti generali della certificazione energetico-ambientale in edilizia trattando in primo luogo il quadro di riferimento legislativo e normativo, in secondo luogo illustrando i sistemi di valutazione della sostenibilità degli edifici: il Protocollo ITACA e il sistema LEED. La seconda e terza parte sono incentrate sui requisiti di sostenibilità degli edifici per ciascuna delle aree ambientali: sostenibilità del sito, consumo di risorse, qualità dell'ambiente indoor, carichi ambientali, prestazione energetica. Da ultimo il testo affronta la certificazione energetica degli edifici alla luce della nuova direttiva 2010/31/UE sotto i diversi aspetti del campo di applicazione, delle procedure amministrative da seguire, della determinazione delle prestazioni, della classificazione energetica e dell'attestato di certificazione energetica.

Record da 1 a 10 su 54

Avanti Ultimo