rss Itaca News

Attivato il Servizio di assistenza e supporto tecnico giuridico alle stazioni appaltanti

Nell’ambito del Servizio Contratti Pubblici è attivato il Servizio di assistenza e supporto tecnico giuridico a favore delle stazioni appaltanti per l’applicazione della nuova disciplina dei contratti pubblici, al fine anche di favorire uniformità di indirizzi ed evitare molteplicità di interpretazioni e di soluzioni operative nocive al buon andamento delle amministrazioni. Il Servizio è realizzato in un’ottica di leale collaborazione istituzionale tra il Ministero delle infrastrutture e trasporti, la Conferenza delle Regioni e Province autonome ed ITACA (Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale). Gli utenti già registrati al Servizio potranno usare le proprie credenziali per il nuovo accesso, ovvero attivare una nuova registrazione al seguente link.

AGGIORNAMENTO DELL’ANAGRAFE DELLE OPERE INCOMPIUTE

E’ stato pubblicato l’aggiornamento 2016 dell’anagrafe delle opere incompiute – operativa attraverso il Sistema Informatico di Monitoraggio delle Opere Incompiute (SIMOI) – facenti capo, rispettivamente, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, alle Regioni e Province Autonome. Il dato evidenzia una contrazione sia nel numero delle opere stesse, ridotte da 874 a 752 (con un -14,0%), sia nel valore complessivo dell’importo totale degli interventi risultanti dall’ultimo quadro economico (-10,9%). Nel dettaglio, la rilevazione delle opere incompiute nazionali e regionali aggiornate e pubblicate oggi alla data odierna, riferita ai dati dell’anno 2016, è sintetizzabile nei seguenti parametri:
▪ il numero complessivo di opere incompiute pubblicate alla data del 30.6.2017 è pari a 752 ed è inferiore di 122 unità (-14,0%) rispetto al dato relativo all’anno di rilevazione 2015 pubblicato il 30.6.2017 (pari a 874);
▪ gli investimenti pubblici bloccati per effetto dell’incompiutezza degli interventi si sono, pertanto, ridotti di 533,7 milioni di euro, passando da € 4.871.255.647 (anno di rilevazione 2015) ai più recenti € 4.338.536.209 (anno di rilevazione 2016), per una diminuzione, in termini percentuali, pari al -10,9%;
▪ l’importo stimato per il completamento degli interventi incompiuti, aggiornato a fine 2016, è pari a € 2.493.678.998.

AVVISO DI SELEZIONE PER N. 2 RISORSE CON PROFILO GIURIDICO

Nella sezione Bandi e Avvisi del sito internet di Itaca è stato pubblicato un Avviso per la selezione di n. 2 risorse con profilo giuridico.
In particolare, i profili professionali ricercati sono due risorse, una senior ed una junior, con formazione giuridica per l’espletamento delle attività di assistenza in materia di diritto amministrativo, con particolare riguardo alla materia dei contratti pubblici, conformemente alla mission associativa. La risorse selezionate opereranno in team in una logica di azione sinergica con i soggetti istituzionali coinvolti nelle attività di Itaca.

CONFERENZA DELLE REGIONI - PARERE SULLO SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI INTEGRATIVE E CORRETTIVE AL DECRETO LEGISLATIVO 18 APRILE 2016, N. 50

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nel corso della seduta del 30 marzo 2017, ha espresso parere favorevole sullo schema di decreto legislativo recante “Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 50/2016”, condizionato all’accoglimento delle proposte emendative presentate e ritenute prioritarie. Le Regioni sono state coinvolte, attraverso la partecipazione dei rappresentanti regionali designati dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome alla Cabina di Regia di cui all’art.212 del Codice, nella fase di analisi delle problematiche applicative della norma al fine di proporre eventuali correzioni alla stessa. In particolare, è stata realizzata una consultazione rivolta ai RUP, svoltasi a gennaio 2017, attraverso uno specifico questionario curato dal MIT e Agid, per le stazioni appaltanti centrali dello Stato, e ITACA e Osservatori regionali, per le stazioni appaltanti di ambito territoriale, allo scopo di verificare lo stato di attuazione del Codice e le difficoltà riscontrate dalle stazioni appaltanti nella fase di applicazione. L’analisi delle risposte pervenute è stata oggetto di attenta valutazione da parte delle Regioni in ordine alla elaborazione della proposta di testo correttivo al Codice dei contratti.

Vent’anni di Capitolati Tecnici: prosegue con rinnovato impegno la collaborazione tra ANIE e ITACA

La governance dei due Enti ricorda insieme l’importanza della proficua collaborazione instaurata.
Il Presidente ANIE – Giuliano Busetto e la Presidente di ITACA – Anna Casini raccontano i traguardi e gli obiettivi raggiunti dal progetto Capitolati Tecnici, che rappresenta il frutto di una fattiva collaborazione iniziata ormai ventitré anni addietro, tra due importanti realtà rappresentative dell’Industria e della Pubblica Amministrazione: ANIE Federazione ed ITACA – Istituto per l’Innovazione e Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale.
Il progetto Capitolati nasce da un incontro, datato 19 maggio 1994 e svoltosi a Venezia, cui parteciparono le Regioni e ANIE Federazione. In quella sede si posero le basi per la definizione di un Capitolato Tecnico destinato alle Residenze Sanitarie Assistenziali. Tale collaborazione ebbe il suo culmine nel momento in cui le regioni si riunirono in ITACA nel 1996.
La nascita del nuovo ente portò ad un riesame degli accordi precedenti, in particolare da quella che era una richiesta della Regione Lazio, capofila dell’attività dei capitolati tecnici; l’accordo fatto con ANIE venne quindi esteso a tutte le regioni partecipanti a ITACA.

SCOMPARSO IVAN CICCONI DIRETTORE DI ITACA

E’ scomparso prematuramente lo scorso 18 febbraio l’ing. Ivan Cicconi, Direttore dell’Istituto ITACA.
Tutto il personale, il coordinamento interregionale, il Consiglio Direttivo, il Presidente di ITACA esprimono profondo dolore e sentimento di vicinanza ai familiari.
Nel corso dei ventuno anni in cui ha diretto l’Istituto abbiamo avuto modo di apprezzare le sue grandi doti professionali ed umane. Quei valori e principi morali che hanno contraddistinto la sua vita ed il suo lavoro finalizzato sempre al bene comune, sono gli stessi valori e principi che oggi rappresentano e riconoscono ITACA.
Uomo di grande spessore intellettuale e profondo conoscitore del settore degli appalti pubblici lascia a tutti noi un importante patrimonio di idee e pensieri, di cui sapremo fare tesoro.

I messaggi di cordoglio potranno essere inviati ai familiari: Via dei Mille n.7 – 40121 Bologna

Adeguata alle nuove disposizioni del D.lgs. 50/2016 la guida elaborata da ITACA recante “Guida alla redazione dei documenti per la trasparenza e tracciabilità della fase esecutiva dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture”

Nel corso della seduta del 21 dicembre 2016 il Consiglio Direttivo di ITACA ha approvato l’adeguamento alla innovata disciplina dei contratti pubblici (D.lgs. 50/2016), della “Guida alla redazione dei documenti per la Trasparenza e Tracciabilità (T&T) della fase esecutiva dei contratti pubblici di lavori servizi e forniture”, già adottata dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome il 19 febbraio 2015. Il documento, redatto nell’ambito del Gruppo di lavoro interregionale “Legalità e Trasparenza di ITACA, coordinato dalla Regione Campania ed a cui partecipano anche organismi di rappresentanza degli operatori economici (associazioni delle imprese, sindacati e consigli nazionale degli ordini professionali), sarà a breve supportato anche da uno specifico strumento informatico. La guida contiene alcuni allegati tecnici contrattuali utili a promuovere buone prassi di trasparenza per le amministrazioni aggiudicatrici nella gestione della fase esecutiva di un contratto pubblico, per la quale i rischi della corruzione e del condizionamento della criminalità organizzata sono storicamente accertati e si esprimono con maggiore forza e frequenza, in special modo nella gestione dei subappalti e dei subcontratti. Più in particolare, le indicazioni proposte vogliono perseguire un efficace monitoraggio sull’applicazione delle norme vigenti nella fase esecutiva, definendo nel dettaglio metodologie e procedure per la Trasparenza e Tracciabilità del flusso di denaro attinente al contratto.

Parere del Consiglio di Stato sullo schema di decreto recante la definizione dei contenuti della progettazione in materia di lavori pubblici

Il Consiglio di stato, nel parere del 10 gennaio 2017 n. 22 sullo schema di decreto ministeriale su proposta del Consiglio superiore dei lavori pubblici, previsto dall’articolo 23, comma 13 del nuovo codice dei contratti pubblici che definisce i tre livelli progettuali, invita il Governo a coinvolgere ITACA e più in generale le autonomie territoriali nell’elaborazione del testo, che rappresenta uno dei punti cardine della disciplina di dettaglio al Codice. I giudici di Palazzo Spada, in particolare, chiedono un supplemento di istruttoria e per tale motivo sospendono l’espressione del parere dopo avere formulato taluni rilievi di carattere generale e su specifiche previsioni del testo finora elaborato. Nel merito, dopo avere rimarcato come una delle maggiori novità della nuova disciplina (che il decreto è chiamato ad attuare) riguarda la sostituzione del progetto preliminare con il progetto di fattibilità tecnica ed economica che «assume un ruolo chiave nell’ambito del processo di progettazione», il parere evidenzia come lo schema di decreto abbia previsto la possibilità di articolare in due fasi il progetto di fattibilità, con la prima fase che si conclude con la redazione del «documento di fattibilità delle alternative progettuali». Secondo il Consiglio di Stato, invece la suddivisione bifasica del primo livello «non appare favorire la linearità della procedura» e non risulta coerente con il Codice che invece «sembra favorire la concentrazione delle fasi».

Consultazione per la ricognizione sullo stato di attuazione del “Codice dei contratti pubblici”

Il Dlgs. 18 aprile 2016 n. 50 “Codice dei contratti pubblici” prevede che la Cabina di Regia, istituita dall’articolo 212, effettui una ricognizione sullo stato di attuazione del codice stesso, nonché delle difficoltà riscontrate dalle stazioni appaltanti nella fase di applicazione, al fine di proporre eventuali soluzioni correttive e di miglioramento. A tal fine, la Cabina di regia ha deciso di lanciare una consultazione rivolta alle stazioni appaltanti. La consultazione prevede il ricorso ad un questionario, volto a rilevare le principali difficoltà attuative e a raccogliere proposte di riformulazione normativa in vista dell’elaborazione del provvedimento correttivo del codice. La consultazione è rivolta ai RUP (Responsabile Unico del Procedimento) delle stazioni appaltanti, sia delle Amministrazioni centrali che di quelle territoriali. Realizzata dalla Cabina di regia in collaborazione con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, l’Agid e l'Osservatorio regionale dei contratti pubblici, primo interlocutore di supporto delle stazioni appaltanti del territorio (Regioni, Enti locali, Enti territoriali), con il supporto del loro organo di coordinamento tecnico ITACA, la consultazione prevede la compilazione di un questionario, al quale i RUP potranno accedere online tramite un link contenuto in una e-mail a loro indirizzata. I risultati saranno analizzati e successivamente trasmessi alla Cabina di Regia, in tempo utile per l’elaborazione del provvedimento correttivo. La consultazione ha preso avvio il 16 dicembre 2016 e si concluderà il 16 gennaio 2017.

Approvato il Protocollo ITACA per la valutazione della sostenibilità energetico e ambientale a Scala Urbana

Nella seduta del 21 dicembre 2016 il Consiglio Direttivo di ITACA ha approvato il Protocollo ITACA per la valutazione della sostenibilità ambientale a Scala Urbana. Il nuovo Protocollo, definito nell’ambito di uno specifico gruppo di lavoro interregionale, è stato realizzato sulla base di un apposito Accordo sottoscritto tra ITACA e la Regione Toscana a cui è stato anche attribuito l’affidamento delle funzioni di coordinamento dell'attività di progetto. L'obiettivo del Protocollo ITACA è formulare un giudizio sintetico sulla performance globale di un insediamento urbano, assegnando un punteggio. A differenza della metodologia utilizzata nei Protocolli ITACA per gli edifici, nel Protocollo per le aree urbane, in cui sono prevalenti aspetti strettamente relazionati ai sistemi normativi e pianificatori regionali e comunali, risultava estremamente complesso, individuare benchmark validi per tutte le realtà urbane del territorio nazionale. La complessità e la diversità dei caratteri e delle problematiche dei centri urbani nel territorio nazionale ha suggerito di affrontare il lavoro di taratura degli indicatori in un secondo momento, vale a dire ad una ulteriore fase di approfondimento e sperimentazione che richiederà un maggiore impegno delle Regioni e degli enti locali interessati. Gli interventi volti alla riqualificazione della città implicano il superamento dei soli aspetti legati al recupero edilizio di singole parti della città o della loro messa in valore immobiliare. Tali processi infatti impongono un ripensamento complessivo in quanto implicano, oltre ai necessari interventi di recupero edilizio e funzionale delle parti degradate ed obsolete di città, una serie di altri elementi legati al concetto di sostenibilità che vanno dal miglioramento energetico ed ambientale dell’organismo urbano, alla qualità degli spazi pubblici, alle connessioni ecologiche, alla sicurezza, alla accessibilità materiale ed immateriale, al sistema della mobilità pubblica, alla flessibilità degli spazi, alla complessità funzionale e alla capacità di rispondere alla domanda sempre crescente di integrazione sociale.

PIANO FORMATIVO NAZIONALE SULLA NUOVA DISCIPLINA DEI CONTRATTI PUBBLICI


COMUNICATO 6

Come programmato ha preso avvio, in data 18 settembre 2017, il corso di formazione sulla nuova disciplina dei contratti pubblici, erogato in modalità e-learning attraverso le piattaforme regionali e di ITACA. I competenti Osservatori regionali dei contratti pubblici hanno comunicato ai propri utenti iscritti, le modalità di accesso alle relative piattaforme e-learning.
Considerato l’alto numero di iscritti, l’attivazione del corso potrà avvenire in maniera scaglionata per regioni e blocchi di iscritti, ed anche successiva alla data sopra indicata di avvio.

Programmazione biennale beni e servizi, art. 1 comma 505 della Legge stabilità 2016

Per consentire alle amministrazione pubbliche di comunicare al Tavolo Tecnico dei Soggetti Aggregatori i dati della programmazione biennale degli acquisti di beni e servizi di importo unitario stimato superiore a 1 milione di euro, così come previsto dall'art. 1 comma 505 della Legge stabilità 2016, viene reso disponibile, nell'area Soggetti Aggregatori del portale "Acquisti in Rete", il tracciato standard da utilizzare e le modalità di trasmissione.

NUOVO CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI: AUDIZIONE DELLA CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Si è svolta lo scorso 4 ottobre presso le Commissioni riunite Ambiente di Camera e Senato l’audizione dei rappresentanti della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nell'ambito dell'indagine conoscitiva sullo stato di attuazione e sulle ipotesi di modifica della nuova disciplina sui contratti pubblici. La delegazione guidata dal vicepresidente della Regione Campania, Fulvio Bonavitacola, coordinatore della Commissione infrastrutture della Conferenza, ha presentato un documento, predisposto con il supporto di ITACA ed adottato dalla stessa Conferenza delle Regioni, contenente le osservazioni regionali. “Le Regioni – ha spiegato Bonavitacola - hanno espresso parere favorevole al nuovo Codice dei contratti pubblici con alcune osservazioni e richieste emendative. Abbiamo apprezzato la leale collaborazione del Governo nei lavori di predisposizione del provvedimento, e quindi il parere è sostanzialmente positivo. Della riforma del settore dei contratti pubblici condividiamo infatti anche l’impianto generale e gli obiettivi, come quello di qualificare tutti gli attori pubblici interessati. Restano però alcune criticità – evidenza Bonavitacola - nell’attuazione alle nuove disposizioni. Va migliorata la semplificazione, l’efficienza e la rapidità operativa, al fine di non allungare ulteriormente il processo di realizzazione di un’opera pubblica. Le Regioni ritengono pertanto possibile – afferma Bonavitacola - conciliare l’efficienza amministrativa con i principi di trasparenza e moralità pubblica. Siamo convinti della centralità delle opere pubbliche per rilanciare l’economia del nostro Paese, ma per raggiungere questo obiettivo vanno superati tutti gli ostacoli normativi, compreso il rigido rispetto dei saldi di bilancio, che si frappongono ancora all’agilità del percorso attuativo. Ad esempio alcuni istituti nel nuovo Codice sono talvolta regolati da disposizioni collocate in diverse sue parti, e quindi chi lo deve applicare può avere difficoltà nell’accedere al completo quadro normativo. Per tale aspetto – sottolinea Bonavitacola - un ruolo di supporto potrebbe essere fornito dalla Cabina di Regia e dall’ANAC nell’ambito delle competenze previste dal Codice”.

AGGIORNATI I CAPITOLATI TECNICI ITACA-ANIE PER IMPIANTI ELETTRICI, ELETTRONICI E AUSILIARI

Sono stati aggiornati i Capitolati tecnici ITACA-ANIE dedicati ad impianti elettrici, elettronici e ausiliari. Nell’ambito della collaborazione decennale di ITACA ed ANIE (Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche), sono stati aggiornati i Capitolati tecnici per la realizzazione di impianti elettrici, elettronici ed ausiliari. In particolare sono stati sviluppati una serie di capitolati dedicati a diverse tipologie di strutture:

▪ Palazzi e uffici
▪ Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA)
▪ Edifici residenziali
▪ Edifici scolastici
▪ Strutture ospedaliere

La struttura dei Capitolati tecnici è flessibile oltre che di semplice utilizzo e consultazione. La compongono schede scaricabili gratuitamente in formato pdf, costantemente aggiornate, a garanzia del rispetto della normativa vigente e quindi della regola dell’arte. In questo modo le indicazioni fornite permettono di realizzare impianti sicuri utilizzando prodotti di qualità.

ELENCO ANAGRAFE 2015 OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE

Sono complessivamente 874 le opere pubbliche incompiute pubblicate lo scorso 30 giugno nell’elenco anagrafe del Servizio Contratti Pubblici del Ministero delle infrastrutture e trasporti, rilevate con riferimento all’anno 2015. Rispetto allo scorso anno si evidenzia un lieve aumento delle incompiute censite, con riferimento al 2014, pari a 868. Si può considerare quindi una certa stabilizzazione del numero delle opere in rapporto alle annualità precedenti, se consideriamo che nel 2013 sono state rilevate 689 incompiute e 571 riportate invece nell’elenco del 2012, il primo redatto e pubblicato.

DOCUMENTO DI GARA UNICO EUROPEO

Linee guida n. 3 del 18 luglio 2016 per la compilazione del modello di formulario di Documento di Gara unico Europeo (DGUE) approvato dal Regolamento di esecuzione (UE) 2016/7 della Commissione del 5 gennaio 2016
L’articolo 85 del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50 (nuovo Codice dei contratti), nel recepire l’articolo 59 della direttiva 2014/24/UE, ha disciplinato il Documento di gara unico europeo (DGUE).
La finalità del DGUE è quella di semplificare e ridurre gli oneri amministrativi che gravano sulle amministrazioni aggiudicatrici, sugli enti aggiudicatori e sugli operatori economici attraverso l’adozione di un unico modello autodichiarativo per la partecipazione alle procedure ad evidenza pubblica.

NUOVI STRUMENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA SOSTENIBILITA’ ENERGETICA E AMBIENTALE DEGLI EDIFICI - Aggiornamento della UNI/PdR 13:2015; nuovo “Protocollo ITACA per gli edifici non residenziali”; avviamento del Registro Nazionale ITACA.

Aggiornata e ripubblicata da UNI la prassi di riferimento UNI/PdR 13:2015 “Sostenibilità ambientale nelle costruzioni - Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità” per gli edifici residenziali, in conseguenza dell’emanazione dei recenti decreti ministeriali che hanno modificato sostanzialmente modalità e metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche. Tale adeguamento è stato verificato nell’ambito del gruppo di lavoro interregionale per l’edilizia sostenibile e approvato dal Tavolo UNI, e si dovranno attivare i lavori per l’elaborazione della parte relativa agli edifici non residenziali. Con questa iniziativa si accorpano tutti i “Protocolli ITACA” fino ad oggi in vigore, relativi alle diverse destinazioni d’uso, che a breve confluiranno nelle varie Sezioni della UNI/PdR 13, proseguendo così la collaborazione tra ITACA e UNI finalizzata all’evoluzione dei diversi protocolli nelle norme tecniche nazionali di riferimento.

MUSMANNO ALLA MARCIA NAZIONALE AMMINISTRATORI SOTTO TIRO

Si è svolta a Polistena (RC) lo scorso 24 giugno la Prima Marcia Nazionale Amministratori sotto tiro, evento organizzato per la prima volta in Italia da Avviso Pubblico, con il patrocinio del Consiglio e della Giunta regionale della Calabria, di ITACA e dei Comuni di Polistena, Gioiosa Ionica e Marina di Gioiosa Ionica.
Alla Marcia ha partecipato anche il Vicepresidente di ITACA, prof. Roberto Musmanno, Assessore della Regione Calabria.
Un segno tangibile e concreto di vicinanza ai tanti amministratori locali, oggetto di minacce e intimidazioni da parte della criminalità, organizzata e non, che ha visto la partecipazione di circa 200 amministratori locali provenienti da tutta Italia e, nel complesso, di oltre un migliaio di persone fra rappresentanti dei sindacati, del mondo dell’associazionismo e della società civile.
Il numero delle minacce ad amministratori locali e funzionari pubblici nel 2015 è aumentato del 33% rispetto all’anno precedente, confermando un fenomeno radicato, seppur in maniera non uniforme, su gran parte del territorio italiano. Nel 2015, infatti, Avviso Pubblico ha censito una minaccia ogni 18 ore ad amministratori locali e funzionari pubblici, 40 al mese, 479 in totale.

NOMINA DEI VICEPRESIDENTI ITACA

Nel corso dell’ultima seduta del Consiglio Direttivo sono stati nominati tre vicepresidenti di ITACA: Elisa De Berti, Assessore ai lavori pubblici, infrastrutture e trasporti della Regione Veneto, Roberto Musmanno, Assessore alle Infrastrutture della Regione Calabria e Marco Scajola, Assessore all’Urbanistica della Regione Liguria.

I tre vicepresidenti, in base allo statuto, andranno ad affiancare il presidente dell’Istituto, Anna Casini, Vicepresidente della Giunta della Regione Marche.

LA RIFORMA DEI CONTRATTI PUBBLICI. Il nuovo Codice e la disciplina attuativa – Ciclo di incontri informativi ITACA

Prende il via domani, con l’evento organizzato da Regione Lombardia a Milano, il ciclo degli incontri informativi sulla riforma dei contratti pubblici promossi da ITACA e dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. Il programma prevede, oltre quella di Milano, altre undici sedi regionali che ospiteranno gli eventi, distribuite in maniera omogenea sul territorio nazionale. Gli eventi approfondiranno alcune delle tematiche più rilevanti previste nel nuovo decreto legislativo 50/2016, entrato in vigore lo scorso 19 aprile, che ha recepito le tre direttive europee 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE e riordinato l’intera materia dei contratti pubblici. Il Codice, che ha abrogato il d.lgs. 163/2006 e il d.P.R. 207/2010 oltre ad una serie di altri atti normativi, nell’ottica della semplificazione ed accelerazione delle procedure, come è noto, ha operato un riassetto organico del sistema dei contratti pubblici su tutti gli attori del settore: stazioni appaltanti, centrali di committenza, operatori economici, organismi di controllo e di indirizzo. Una delle novità più rilevanti del Codice risiede nella riorganizzazione della committenza pubblica attraverso la centralizzazione e aggregazione della domanda e la qualificazione delle stazioni appaltanti. L’obiettivo è dunque quello di avere stazioni appaltanti capaci di governare in modo efficace l’intero ciclo dei contratti per far fronte a criteri di affidamento innovativi e complessi che richiedono committenze sempre più competenti e specializzate. Tali livelli di efficienza si possono raggiungere attraverso modelli organizzativi adeguati, con un corpo di dipendenti costantemente aggiornato. Accrescere quindi le competenze e conoscenze per governare i processi di gestione dei contratti nel rispetto delle nuove norme, rappresenta senz’altro il fondamento su cui attivare la qualificazione della committenza. Le Regioni sono chiamate ad esercitare, in ambito territoriale, un ruolo di supporto alle stazioni appaltanti assegnato dal rinnovato assetto normativo. Ed è proprio con questi obiettivi che ITACA, organo tecnico della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, in collaborazione con gli Osservatori regionali dei contratti pubblici,ha inteso avviare un ciclo di incontri informativi e di aggiornamento dedicati al personale delle Regioni, delle centrali di committenza e delle stazioni appaltanti.

Il ruolo delle Regioni e delle Province autonome nella disciplina primaria e di dettaglio dei contratti pubblici alla luce dell’approvazione del nuovo Codice in materia

Come è noto, utilizzando una tecnica legislativa molto diversa da quella che caratterizzava la normativa previgente, il legislatore della riforma rinvia la disciplina di dettaglio della materia non più ad un unico Regolamento ma ad una serie di atti (DPCM, DM ministeriali, linee guida MIT/ANAC, linee guida ANAC) che hanno forma, contenuto e modalità di attuazione del tutto differenziati, si tratta della c.d. soft law. ITACA ha redatto un documento che si prefigge l’obiettivo di elencare in quali casi è stato previsto un coinvolgimento delle Regioni e delle Province Autonome dalla rinnovata disciplina in materia di contratti pubblici.

Promozione della sostenibilità energetico ambientale - Firmato Accordo tra ITACA e Regione Calabria

La presidente di ITACA Anna Casini e l’assessore alle Infrastrutture della Regione Calabria, Prof. Roberto Musmanno, hanno sottoscritto un Accordo Quadro che prevede la diffusione nella Regione Calabria del sistema di certificazione e monitoraggio della sostenibilità ambientale in attuazione del “Protocollo ITACA”.
Il Protocollo ITACA, è uno strumento per la certificazione del livello di sostenibilità ambientale di edifici con diverse destinazioni d’uso. Nasce dall’esigenza delle amministrazioni pubbliche di definire con precisione le caratteristiche di qualità ambientale degli edifici e di disporre di uno strumento in grado di quantificare in maniera oggettiva il livello di sostenibilità delle costruzioni, sia in fase di progetto sia in fase di esercizio.

IL NUOVO CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI IN GAZZETTA UFFICIALE

Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale (GU n.91 del 19/04/2016 - Suppl. Ordinario n. 10) il decreto legislativo 50/2016, in attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture.

NUOVO CODICE CONTRATTI: PARERE FAVOREVOLE DELLE REGIONI

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella seduta del 31 marzo 2016 ha espresso il proprio parere favorevole contenente alcune osservazioni e richieste in ordine allo schema di decreto legislativo di recepimento delle direttive europee in materia di appalti pubblici e concessioni. Va sottolineato come le Regioni siano state coinvolte nella fase di redazione dei testi normativi ai diversi livelli ordinamentali, dapprima nella fase di formazione delle direttive europee e quindi in fase di attuazione e di redazione del testo del nuovo Codice. Lo schema di decreto si prefigge un duplice scopo: trasporre nel nostro ordinamento i numerosi e significativi elementi di novità introdotti dalle direttive europee in materia di appalti e concessioni del 2014 e attuare un riordino complessivo della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, nel rispetto dei numerosi e dettagliati criteri stabiliti dalla legge delega (legge 11/2016). Con questa attività di riforma il legislatore nazionale intende in particolare alleggerire la disciplina in materia di contratti pubblici, sostituendo una normativa dettagliata, riconducibile essenzialmente al vigente codice dei contratti e al suo regolamento di attuazione, con una normazione per principi generali accompagnata da diversi provvedimenti attuativi (c.d. soft law) relativi a specifici istituti cui fanno rinvio singoli articoli del nuovo codice appalti e concessioni.

AGGIORNATA LA COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DI ITACA

Nel corso dell’ultima seduta del Consiglio Direttivo di ITACA svolta lo scorso 12 novembre, si è insediato il nuovo Presidente dell’Istituto, Anna Casini, nominata dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, e aggiornata la composizione dello stesso organo.
Il Consiglio che affiancherà il presidente è composto da: Anna Casini (Vicepresidente Regione Marche), Luciano D’Alfonso (Presidente Regione Abruzzo), Aldo Berlinguer (assessore Regione Basilicata), Roberto Musmanno (assessore Regione Calabria), Vicenzo De Luca (Presidente Regione Campania), Massimo Mezzetti (assessore Regione Emilia-Romagna, Mariagrazia Santoro (assessore Regione Friuli Venezia Giulia), Fabio Refrigeri (assessore Regione Lazio), Marco Scajola (assessore Regione Liguria), Elisa De Berti (assessore Regione Veneto), Pierpaolo Nagni (assessore Regione Molise), Francesco Balocco (assessore Regione Piemonte), Giovanni Giannini (assessore Regione Puglia), Paolo Giovanni Maninchedda (assessore Regione Sardegna), Enrico Rossi (Presidente Regione Toscana), Giuseppe Chianella (assessore Regione Umbria), Mauro Baccega (assessore Regione valle d’Aosta), Mauro Gilmozzi (assessore Provincia autonoma di Trento), Arno Kompatscher (Presidente Provincia autonoma di Bolzano), Bernadette Veca (Ministero delle Infrastrutture e Trasporti), Vincenzo Puglielli (Consiglio Nazionale Architetti), Giovanni Cardinale (Consiglio Nazionale Ingegneri), Maurizio Paissan (Consiglio Nazionale Periti Industriali), Domenico Pesenti (Filca/Cisl), Arnaldo Redaelli (Anaepa/Confartigianato), Edoardo Bianchi (Ance), Fabrizio Bolzoni (Legacoop Servizi), Angelo Carlini (Assistal/Confindustria). Il Consiglio Direttivo ha anche programmato l’adunanza dell’Assemblea che avrà il compito di nominare i Vicepresidenti.
Il Presidente Casini, ringraziando la Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome per la nomina, si è detta onorata di presiedere ITACA, organo tecnico a supporto delle Regioni su temi importanti quali gli appalti pubblici e la sostenibilità ambientale, sempre più all’ordine del giorno nel nostro paese, con la finalità di promuovere meccanismi di innovazione e competitività del mercato delle costruzioni, facendo leva sulla trasparenza, la qualificazione degli operatori e la legalità.

ANNA CASINI il nuovo Presidente ITACA

Anna Casini è il nuovo Presidente di ITACA (Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale), designata dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nel corso dell’ultima seduta del 24 settembre 2015. Casini è attuale Vicepresidente della Regione Marche con delega ai lavori pubblici, governo del territorio, urbanistica, edilizia, edilizia residenziale pubblica, infrastrutture, porti e aeroporti, agricoltura, alimentazione e piste ciclabili.
“Sono onorata – commenta la Presidente Casini - di essere stata scelta per coordinare un Istituto che ha come obiettivo prioritario la trasparenza, l’aggiornamento e la certificazione degli appalti e l’impegno alla sostenibilità ambientale e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Si tratta di tematiche di grande attualità, sulle quali, la nostra attenzione di amministratori deve essere sempre alta per garantire ai cittadini un’efficace azione di controllo. Sono convinta che con la collaborazione ed il sostegno delle Regioni e delle Province autonome e in raccordo con le istituzioni, gli enti locali e gli operatori del settore potremo proseguire il lavoro già iniziato e portare il nostro contributo in termini di nuove idee e progetti per lo sviluppo e alla promozione della trasparenza e della legalità”.
Anna Casini subentra a Massimo Giorgetti della Regione Veneto, già Presidente Itaca facente funzioni dal 16 luglio 2014. Architetto con un Master in Gestione Integrata delle Fasce Costiere presso l’UNICAM, Anna Casini, occupandosi di Pianificazione Territoriale è divenuta Responsabile dell’Unità Operativa Protezione Bellezze Naturali (Paesaggio), Valutazioni Ambientali Strategiche (VAS) e Valutazioni di Impatto Ambientale (VIA) della Provincia di Ascoli Piceno.

PARTECIPAZIONE DELLE RETI D’IMPRESA ALLE PROCEDURE PER L’AFFIDAMENTO DI CONTRATTI PUBBLICI - GUIDA PRATICA PER LE STAZIONI APPALTANTI E GLI OPERATORI ECONOMICI

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome approva, nella seduta del 24 settembre 2015, una guida pratica realizzata ITACA sulla partecipazione delle Reti d’Impresa alle procedure per l’affidamento di contratti pubblici.
Le reti di impresa rappresentano da alcuni anni per le Regioni uno strumento importante e strategico di politica industriale per lo sviluppo delle PMI, soprattutto in un’ottica di internazionalizzazione e di innovazione, in grado di rispondere alle attuali esigenze di riposizionamento competitivo del sistema produttivo italiano. Per questo motivo, le amministrazioni regionali hanno fortemente investito e sostenuto nei propri territori i processi di aggregazione delle imprese e ciò ha comportato la notevole crescita del numero dei contratti di rete e del numero dei soggetti coinvolti, come emerge dai dati di Unioncamere. Al contempo, hanno operato per facilitare l’accesso ai fondi della programmazione comunitaria 2014-2020 delle reti di impresa, attraverso il loro riconoscimento quali beneficiari finali ovvero soggetti ammissibili. In tale contesto si pone anche il tema della partecipazione alle procedure di affidamento dei contratti pubblici che risulta importante per la vita di tutte le imprese, alle quali si rende necessario fornire strumenti utili, con la finalità di garantire condizioni di parità di accesso a questo settore.
Questa iniziativa, che si inserisce nel filone della positiva collaborazione tra la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome con RetImpresa di Confindustria, nasce proprio al fine di dare concreta attuazione alle disposizioni normative innovative in materia e di superare talune problematiche applicative derivanti dalla partecipazione alle procedure di gara delle c.d. reti di impresa che, come richiamato, rappresentano un efficace modello di sviluppo dell’economia del nostro Paese.
Il documento, elaborato nell’ambito dell’Area Contratti Pubblici di ITACA, è stata redatto da uno specifico Gruppo di lavoro “Reti d’Impresa”, coordinato dalla Regione Liguria, in collaborazione con la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e RetImpresa.
Con questo lavoro, si intende fornire un ampio spettro di indicazioni pratiche, tanto alle stazioni appaltanti quanto agli operatori economici. In particolare, partendo da un inquadramento generale, si procede ad una puntuale analisi in ordine agli adempimenti necessari e alla modalità partecipativa delle imprese retiste alle procedure di affidamento.

ITACA: ANALISI DELLA DIRETTIVA 2014/23/UE IN MATERIA DI CONTRATTI DI CONCESSIONE

Si completa della parte relativa anche ai contratti di concessione il lavoro avviato ITACA in merito all’analisi delle nuove direttive europee in materia di appalti e concessioni.
La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nel corso della seduta del 24 settembre u.s., ha infatti approvato il documento recante “Analisi della direttiva 2014/23/UE in materia di contratti di concessione”, che fa seguito al precedente studio relativo alla Direttiva 2014/24/UE in materia di appalti pubblici, approvato dalla Conferenza nella seduta del 19 febbraio 2015.
L’analisi, frutto del gruppo di lavoro “direttive contratti” coordinato dalle Regioni Veneto e Toscana, è stato realizzato tenendo conto della nuova direttiva concessioni che, diversamente dalla direttiva appalti, è di prima generazione, connotata pertanto da ampi margini di scelta da parte degli Stati membri in ordine alle sue modalità attuative. In fase di recepimento, quindi, il legislatore nazionale sarà tenuto a valutare se disciplinare le concessioni con norme di carattere generale, in linea con l’impostazione della Direttiva, o se per contro dettare norme di maggior dettaglio. Proprio per tali aspetti il documento di Itaca ha evidenziato gli istituti della direttiva concessioni che per una corretta applicazione delle nuove disposizioni europee richiedono uno specifico chiarimento normativo in fase di recepimento.
Tra i punti approfonditi nel documento, viene in particolare evidenziato il concetto di rischio operativo, valorizzato dalla nuova direttiva, da porre in capo al concessionario quale elemento essenziale e costitutivo del contratto di concessione, ponendo l'accento sull'importanza del Piano Economico Finanziario (PEF) sia in fase di gara che di gestione del contratto.

RINA ACCREDITATA PER IL PROTOCOLLO ITACA

In data 26 giugno 2105 l’Organismo di Ispezione RINA CHECK S.r.l. ha ottenuto l’estensione dell’accreditamento per le ispezioni sul Protocollo ITACA nazionale per le attività previste dal Regolamento RT-33 di ACCREDIA. In particolare, RINA è accreditata, ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020, a svolgere le attività di ispezione nei settori Edilizia residenziale ed Edilizia non residenziale, per le tipologie ispettive:
− Ispezione sulla Progettazione delle opere (Protocollo ITACA);
− Ispezione sulla Realizzazione delle opere (Protocollo ITACA).
RINA si aggiunge, per le attività di ispezione sul Protocollo ITACA, a ICMQ, Organismo di Ispezione già accreditato da Accredia secondo l’RT-33 in data 15 aprile 2015.

AVVISO relativo al 3° corso abilitante di formazione Ispettori “Protocollo ITACA” (60 ore) riguardante il settore Edilizia Residenziale – sede NAPOLI

Il 3° corso di formazione abilitante per Ispettori “Protocollo ITACA” settore Edilizia Residenziale (60 ore), si terrà dal 4 maggio al 25 maggio 2016, a Napoli presso la sede della Regione Campania, in via Marina c/o Palazzo Armieri.
ll corso si rivolge a tecnici pubblici e privati che secondo il Regolamento RT-33 ACCREDIA opereranno per conto degli Organismi di Ispezione accreditati per lo svolgimento delle attività di verifica della conformità del progetto e/o dell'edificio al Protocollo ITACA, strumento di valutazione della sostenibilità energetica e ambientale delle costruzioni, ai fini del rilascio dell’attestato d’ispezione.
Con l’attestato il committente dimostra la conformità del progetto o dell’edificio ai criteri del “Protocollo ITACA”.
I professionisti che supereranno il corso saranno iscritti in un apposito elenco pubblicato sul sito internet di ITACA.
Con l’attestato di ispezione il committente dimostra la conformità del proprio progetto o edificio al “Protocollo ITACA”.

Pubblicata l’Anagrafe delle Opere Incompiute di interesse nazionale. Il Ministro Delrio: “Una task force del Ministero per sbloccare quelle meritevoli”

E’ stato pubblicato l’aggiornamento dell’Anagrafe delle Opere pubbliche Incompiute di interesse nazionale. L’elenco, on line da ieri, doveva essere compilato sull’apposito sistema entro il 30 giugno 2015 dalle Regioni e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e si riferisce alle opere incompiute al 31 dicembre 2014. Manca attualmente l’elenco delle opere della Regione Siciliana, in corso di stesura, mentre la Provincia autonoma di Trento segnala di non avere opere incompiute. A oggi risultano 649 le opere pubbliche che non sono state completate, numero che varierà con i risultati della Sicilia. “Ora dobbiamo andare oltre la stesura dell’elenco – dichiara in merito il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio – e istituire a cura del Ministero un’apposita task force che, così come avvenuto con l’Agenzia della Coesione per i Fondi europei, segua punto per punto le opere meritevoli di essere completate”.

PROGETTO CABEE – EVENTO CONCLUSIVO A TORINO IL 29 GIUGNO 2015

Con l’evento che si terrà il prossimo 29 giugno a Torino, organizzato dalla Regione Piemonte, saranno illustrati i risultati finali del progetto Europeo CABEE (Capitalizing Alpine Building Evaluation Experiences), a cui la Regione ha concorso, assieme ad altri dodici partners, provenienti da sei paesi europei, al fine di capitalizzare le più significative esperienze in materia energetico-ambientale, nell’ambito dell’Alpine Space Programme. Tale esperienza, a cui ha collaborato anche ITACA, volta anche a perseguire, in particolare, il superamento dei diversi sistemi di valutazione delle prestazioni energetiche degli edifici pubblici, vigenti in Europa, ha altresì favorito la promozione ed armonizzazione del Protocollo ITACA Piemonte, per edifici in esercizio. CABEE è un progetto Interreg Spazio Alpino che ha come obiettivo principale l’implementazione di una linea guida per la definizione, progettazione, procurement, costruzione, valutazione e promozione di edifici e quartieri a energia quasi zero e sostenibili. CABEE ha capitalizzato i risultati di progetti di ricerca europei, precedenti e in corso, sia nell’ambito Interreg Spazio Alpino sia di altri programmi (FP7, Interreg IVC). Il progetto è focalizzato sull’approccio dell’edilizia sostenibile diffusa. Attività pilota sono state condotte in materia di gare d’appalto pubbliche, comportamento degli utenti e certificazione degli edifici; è stato inoltre esplorato il tema delle aree urbane sinergiche, ovvero caratterizzate da strategie energetiche e non che complessivamente consentono di minimizzare il consumo delle risorse e migliorare la qualità della vita dei cittadini.

ITACA: SEMINARIO PUBBLICO “DIRETTIVA APPALTI 24/2014/UE – L’ANALISI DELLE REGIONI”

Si è svolto a Roma lo scorso 9 giugno presso il Palazzo della Cooperazione, il seminario pubblico organizzato da ITACA: “Direttiva Appalti 24/2014/Ue – L’analisi delle Regioni”. Tema centrale dell’iniziativa è stato l’esame delle novità introdotte dalla nuova direttiva appalti 24/2014/UE e il suo complesso iter di recepimento avviato con l’emananda legge delega. Nel corso della giornata è stato presentato il documento di analisi della rinnovata normativa europea, elaborato da un gruppo di lavoro di ITACA ed approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome il 19 febbraio 2015, allo scopo di rispondere ad un segnale diffuso di conoscenza ed ausilio ai tavoli tecnici costituiti per la elaborazione del nuovo codice in materia di appalti e concessioni. Hanno preso parte ai lavori il Viceministro alle infrastrutture e trasporti Sen. Riccardo Nencini, l’assessore della Regione Lazio Fabio Refrigeri in rappresentanza di ITACA, il segretario generale di Confcooperative Vincenzo Mannino. In rappresentanza degli operatori economici sono intervenuti: il Presidente ANCE Paolo Buzzetti, il Vicepresidente CNA Mauro Cassani, il Presidente del Consiglio Nazionale Architetti Leopoldo Freyrie, il Presidente OICE Patrizia Lotti, Franco Martini in rappresentanza della CGIL CISL UIL, Lorenzo Mattioli Presidente ANIP FISE Confindustria, Arnaldo Redaelli Presidente ANAEPA Confartigianato, Massimo Stronati Presidente Federlavoro e Servizi, Carla Tomasi Presidente FINCO, e Giovanni Cardinale del Consiglio Nazionale Ingegneri. Tra i numerosi relatori che sono intervenuti nel corso della giornata erano presenti: Antonio Bertelli per ANCI, Mariagrazia Bortolin Regione Veneto, Mario Chiti Università LUISS Roma, Valentina Guidi Presidenza del Consiglio dei Ministri, Diana Luddi Regione Friuli-Venezia Giulia, Ivana Malvaso Coordinamento GdL Direttiva Appalti ITACA Regione Toscana, Nicoletta Parisi ANAC, Massimo Ricchi Esperto in materia, Stefania Rosi Bonci Regione Umbria, Glenda Zanolla Regione Friuli-Venezia Giulia. Moderatori dei lavori: Giuseppe D’Angelo della Commissione infrastruttura e trasporti della Conferenza delle Regioni e Province autonome e Ivan Cicconi Direttore di ITACA. Numerosissimi sono stati i partecipanti, anche in considerazione dell’attivazione della diretta streaming che ha coinvolto oltre cinquanta sedi regionali presenti su tutto il territorio nazionale.

L’Assemblea di ITACA approva il bilancio consuntivo 2014 e di previsione 2015

Il 22 aprile 2015 si è svolta a Roma l’assemblea dei soci di ITACA che ha approvato il bilancio economico al 31.12.2014 ed il bilancio di previsione 2015. Il Presidente ha inoltre presentato ai soci, a nome del Consiglio Direttivo, la relazione sull’attività svolta dall’Istituto nel 2014. L’Assemblea ha anche nominato il nuovo Consiglio Direttivo.

SICUREZZA NEGLI APPALTI PUBBLICI: STRUMENTO PER LA VERIFICA DI CONGRUITA’ DEGLI ONERI AZIENDALI

Nell’ambito dell’Area “Sicurezza sui luoghi di lavoro” di ITACA, coordinata dalla Regione Toscana, è stato elaborato un prezioso contributo recante “Verifica di congruità degli oneri aziendali della sicurezza nei contratti di lavori pubblici: prime indicazioni operative”, che fa il punto sulla materia dei costi della sicurezza analizzando le disposizioni legislative in essere, la giurisprudenza e la dottrina. L’obiettivo è quello di fornire un supporto operativo soprattutto alle stazioni appaltanti, ma anche agli operatori economici, per la non facile valutazione dei cosiddetti oneri aziendali della sicurezza nella fase di gestione delle procedure per l’affidamento dei contratti pubblici.

GUIDA ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI PER LA TRASPARENZA E TRACCIABILITÀ DELLA FASE ESECUTIVA DEI CONTRATTI PUBBLICI

La “Guida alla redazione dei documenti per la trasparenza e tracciabilità della fase esecutiva dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (art.118 D.Lgs. 163/2006 e art.3 Legge 136/2010)”, realizzata da ITACA nell’ambito del Gruppo di lavoro interregionale “Legalità e Trasparenza” coordinato dalla Regione Campania, ha l’obiettivo di assicurare una corretta applicazione di norme vigenti, tese a garantire la tracciabilità e la trasparenza dell’esecuzione del contratto. Il documento è stato approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nel corso della seduta del 19 febbraio 2015. Per il Presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino, si tratta di un lavoro tecnico importante, “un tassello in più per rafforzare controlli e trasparenza degli appalti pubblici”. In particolare, la guida individua per le stazioni appaltanti modalità standardizzate di comunicazione delle informazioni e dei dati. Adempimenti che oggi sono obbligatori e che trovano riscontro anche nelle direttive in via di recepimento, laddove – come evidenziato nel documento – si evidenzia la necessità di garantire trasparenza nella catena dei subappalti e a tal fine si sottolinea l’importanza delle informazioni nella gestione dei contratti. Le modalità proposte con il documento si offrono naturalmente a forme di trasmissione e acquisizione telematiche, conformi al Codice dell’Amministrazione Digitale, nonché alla gestione informatizzata dei dati stessi. Oltre ai benefici diretti, derivanti dalla semplificazione introdotta dalla guida, vanno infine considerati i ben più rilevanti risultati, in termini economici e sociali, che potranno derivare dalla maggiore trasparenza nel controllo della filiera dei sub-contratti che, come noto, nel ciclo dell’appalto presenta il più alto rischio di infiltrazione della criminalità organizzata.

“NUOVA DIRETTIVA APPALTI”: DOCUMENTO DI ANALISI TECNICA ELABORATO DA ITACA

Un attento lavoro di analisi tecnica dettagliato, articolo per articolo, sulle rilevanti e significative innovazioni che interesseranno a breve il settore degli appalti pubblici a seguito del prossimo recepimento delle direttive approvate dal Parlamento Europeo e dal Consiglio in materia di appalti e concessioni. E’ quanto prodotto da ITACA nel “Documento di analisi della Direttiva 2014/24/UE in materia di Appalti Pubblici”, approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella seduta del 19 febbraio 2015. Il documento, frutto dell’attività del Gruppo di lavoro interregionale “Direttive Appalti” e condiviso anche dagli operatori del settore, ha posto in esame la Direttiva 2014/24 sugli appalti pubblici di lavori, servizi e forniture. Il contributo, realizzato con approccio tecnico e neutrale, contiene un’analisi del testo delle disposizioni della direttiva e dei considerando al fine di evidenziare le opportunità e le criticità delle nuove regole, tenendo conto anche delle finalità e priorità che hanno ispirato il legislatore comunitario della riforma: facilitare l’accesso delle Piccole Medie Imprese al mercato degli appalti pubblici, favorire la realizzazione degli obiettivi della strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, assicurando al contempo un efficiente uso dei finanziamenti pubblici, promuovere la dematerializzazione delle procedure di gare e l’innovazione negli appalti, ecc.. Il tavolo tecnico, coordinato dalla Regione Toscana, è operativo anche sulla direttiva 2014/23 in materia di concessioni.

Audizione ITACA al Senato sul ddl delega al governo per il recepimento delle direttive appalti e concessioni

Si è svolta il 23 febbraio scorso l’audizione di ITACA presso la VIII Commissione del Senato in merito alla riforma degli appalti pubblici alla luce delle nuove direttive europee in materia. L’intervento di Itaca si è concentrato su alcuni temi specifici dedicati alla semplificazione degli appalti sotto soglia, riordino delle stazioni appaltanti e aggregazione della domanda, la complessità degli oneri informativi a carico delle stazioni appaltanti, l’attenzione alla sostenibilità ambientale e alla trasparenza nella fase esecutiva del contratto d’appalto. In ordine al disegno di legge delega AS1678 l’Istituto ha supportato la Conferenza delle Regioni nella espressione del parere, risultato favorevole con accoglimento di alcune proposte emendative, rilasciato in sede di Conferenza Unificata nella seduta del 18 dicembre 2014. In particolare, le Regioni hanno espresso forte apprezzamento per la previsione di un nuovo testo normativo unitario per gli appalti e per le concessioni, che si spera abrogherà le numerose norme extravaganti rispetto all’attuale codice dei contratti pubblici, di cui al decreto legislativo n.163 del 2006, norme che si sono stratificate nel corso del tempo e che costituiscono un fattore di disorientamento e di considerevole complicazione procedimentale. La codificazione di tutte le norme vigenti in materia, potrà però essere un prezioso fattore se finalizzato a perseguire la semplificazione della normativa, l'accelerazione delle procedure per l’affidamento dei contratti e la deflazione del contenzioso giurisdizionale. Le modifiche emendative proposte dalle Regioni, mirano proprio a rendere più efficace tale azione di razionalizzazione e semplificazione, prevedendo un codice unico di natura innovativa e non meramente compilativa, consentendo così di abrogare le disposizioni superflue o incongruenti, ma anche di modificarne alcune al fine di ottenere un quadro normativo più omogeneo.

“Centrali di acquisto” – Approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome un documento guida di ITACA in merito alle nuove norme in materia di aggregazione della domanda.

Nel corso della seduta del 19 febbraio 2015 la Conferenza delle Regioni ha approvato un documento elaborato da ITACA recante: “Elementi guida per l’attuazione degli obblighi di aggregazione della domanda pubblica di cui al decreto legge n. 66 del 2014”. La guida – elaborata dal Gruppo di lavoro interregionale “Centrali di committenza”, coordinato dalla Regione Umbria – fornisce un quadro ricognitivo delle norme emanante nel corso degli ultimi anni, spesso sovrapposte e confuse, in materia di aggregazione della domanda pubblica. Lo strumento mira ad orientare le stazioni appaltanti e gli operatori economici sulla riorganizzazione e razionalizzazione della committenza pubblica di lavori, servizi e forniture. Un tema sul quale il legislatore è intervenuto ripetutamente senza che le nuove fattispecie siano state coordinate rispetto alle norme emanate in precedenza. Si pensi ad esempio al ruolo ed alle funzioni delle Stazioni Uniche Appaltanti (SUA), centrali di committenza, associazioni, unioni e consorzi di comuni, soggetti aggregatori, centrali regionali di acquisto. La guida contiene anche una tabella di ricognizione dei soggetti aggregatori regionali istituiti ai sensi dell’art.9 del D.L. 66/2014.

Pubblicata la prassi di riferimento UNI-PdR 13:2015 sulla sostenibilità ambientale nelle costruzioni secondo il Protocollo ITACA

Approvata dal Consiglio Direttivo UNI e pubblicata la nuova Prassi di Riferimento "Sostenibilità ambientale nelle costruzioni - Strumenti operativi per la valutazione della sostenibilità", basata sul Protocollo ITACA nazionale. La UNI/PdR 13:2015, strutturata in 2 sezioni, è stata elaborata da uno specifico tavolo presso UNI costituito da: Raffaella Fontana – Project Leader (Regione Marche), Marco Casini (Sapienza Università di Roma), Silvia Catalino (Itaca), Ivan Cicconi (Itaca), Francesca D’Ambrosio (Università di Salerno), Livio De Santoli (Sapienza Università di Roma), Costanzo Di Perna (Università Politecnico delle Marche), Giuseppina Franzo (Regione Piemonte), Mario Grosso (Politecnico di Torino), Manuel Mari (ICMQ), Andrea Moro (iiSBE Italia), Paolo Principi (Università Politecnico delle Marche), Angela Sanchini (ARES Agenzia Regionale Edilizia Sostenibile Regione Friuli V.G.), Maria Chiara Torricelli (Università degli Studi di Firenze). La prassi, elaborata coerentemente con le norme europee sulla valutazione della sostenibilità nelle costruzioni, in particolare con le norme predisposte dal Comitato Tecnico CEN/TC 350, permette di formulare un giudizio sintetico sulla performance globale di un edificio, assegnando un punteggio indicativo del livello di sostenibilità ambientale. Tale punteggio viene determinato seguendo una procedura di valutazione dei criteri individuati che afferiscono alle 5 aree seguenti: qualità del sito; consumo di risorse; carichi ambientali; qualità ambientale indoor; qualità del servizio.

REGIONE LAZIO: NUOVO SISTEMA CERTIFICAZIONE SOSTENIBILITA' AMBIENTALE EDIFICI

E' stato presentato dalla Regione Lazio, durante il seminario pubblico svolto a Roma il 29 gennaio scorso, il sistema di valutazione e certificazione della sostenibilità ambientale degli edifici, con il quale la Regione dà piena attuazione alla legge regionale n.6 del 2012. Il nuovo sistema ha l'obiettivo di salvaguardare l'ambiente, il territorio e la salute degli abitanti promuovendo ed incentivando la sostenibilità energetico-ambientale nella progettazione e realizzazione di opere pubbliche e private. Il seminario, alla presenza dell'assessore regionale alle Politiche Abitative, Fabio Refrigeri, ha visto la partecipazione e l'intervento del Presidente di ITACA, Massimo Giorgetti, assessore della Regione Veneto, di ACCREDIA e CITERA. "Lo strumento messo a disposizione dalla Regione, basato sul Protocollo ITACA, - spiega Refrigeri - dalle caratteristiche altamente innovative, consentirà a progettisti e costruttori di riqualificare o realizzare edifici ad elevata sostenibilità ambientale in linea con gli indirizzi comunitari, offrendo allo stesso tempo la possibilità di attestare la qualità raggiunta attraverso un processo di valutazione, svolta da soggetti indipendenti e accreditati, potendo così usufruire degli incentivi economici e fiscali derivanti dalla certificazione, e dei benefici del mercato".

Opere Incompiute: quale futuro? Nuove esigenze ed opportunità per il Paese – Roma, 13 gennaio 2015

Sono 692 le opere incompiute fotografate in Italia dall'anagrafe operativa presso il Ministero delle infrastrutture e trasporti, per le quali sono già stati spesi oltre 3 miliardi di euro. Dalle strade, alle scuole, dai loculi cimiteriali fino alle cosiddette "Vele di Calatrava". Per completarle, secondo le indicazioni delle amministrazioni servirebbe un circa un miliardo e mezzo di euro. Da qui è partito il convegno dedicato alle opere incompiute organizzato dal Ministero, dalla Conferenza delle Regioni e Province autonome ed ITACA, che cura con le tutte le Regioni la rilevazione. L'iniziativa ha rappresentato anche l'avvio della seconda fase in cui si dovranno individuare soluzioni e strumenti idonei al superamento di questo grave problema. L’iniziativa si è svolta in un luogo simbolo delle incompiute italiane: presso la Città dello Sport di Roma progettata dall’arch. Santiago Calatrava, presente al Convegno, progettata nel 2005 ed ancora rimasta purtroppo incompiuta. All'evento, presieduto dal Viceministro alle infrastrutture Riccardo Nencini, che si è concluso con una tavola rotonda, hanno partecipato Massimo Giorgetti, Presidente ITACA e assessore della Regione Veneto, Giuseppe Novelli, Rettore dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Bernadette Veca, Direttore Generale del MIT, Edoardo Cosenza, assesore della Regione Campania, Paolo Buzzetti Presidente ANCE, Leopoldo Freyrie, Presidenza Consiglio Nazionale Architetti, Armando Zambrano, Presidente del Consiglio Nazionale Ingegneri, Patrizia Lotti, Presidente OICE, e Carla Tomasi, Presidente FINCO. Nel corso del Convegno si è convenuto sulla necessità di un intervento normativo che istituisca un fondo nazionale dedicato al completamento delle opere incompiute e inviti anche i privati ad investire su tali opere con riconoscimento di specifici bonus fiscali in favore degli stessi.

ROMA, 29 GENNAIO 2015 – SEMINARIO INFORMATIVO “IL PROTOCOLLO ITACA LAZIO: STRUMENTI PER LA PROMOZIONE DELLA SOSTENIBILITA’ ENERGETICA E AMBIENTALE DEGLI EDIFICI”

Regione Lazio, ITACA e CITERA, organizzano un seminario informativo dedicato ai professionisti ed alle imprese del settore costruzioni, per la presentazione del nuovo Protocollo ITACA Lazio 2014. Il seminario si terrà a Roma, presso la sede della Regione Lazio in Piazza Oderico da Pordenone 15, il 29 gennaio 2015, dal titolo “Il Protocollo ITACA Lazio: strumenti per la promozione della sostenibilità energetica e ambientale degli edifici”. Presiederà i lavori l’assessore Fabio Refrigeri della Regione Lazio con la partecipazione del Presidente ITACA Massimo Giorgetti, assessore della Regione Veneto, ed il direttore di CITERA, Livio de Santoli. L'approvazione della DGR n.654 del 7 ottobre 2014 di cui al RR n.6/2012 ha dato piena attuazione al Sistema di valutazione e certificazione della sostenibilità ambientale degli edifici introdotto dalla Legge regionale n. 6/2008 completando il previsto iter legislativo ed allineando il Lazio a quanto già avviato da diverse altre Regioni italiane.

CONVEGNO “OPERE INCOMPIUTE: QUALE FUTURO? NUOVE ESIGENZE ED OPPORTUNITA’ PER IL PAESE” – ROMA, 13 GENNAIO 2015, CITTA’ DELLO SPORT

Si terrà il 13 gennaio 2015 il convegno “Opere incompiute: quale futuro? Esigenze ed opportunità per il Paese”, organizzato dal Ministero delle infrastrutture e trasporti ed ITACA, presso la Città dello Sport di Roma, opera rappresentativa delle incompiute del nostro Paese. Dette opere, beni pubblici non fruibili dalla comunità, rappresentano una potenziale opportunità sia per le stesse amministrazioni, in relazione alla evidente difficoltà di reperimento di risorse finanziarie per realizzare nuove strutture, sia per il mercato, in quanto possono attivare forme di investimento utili ad un rilancio del settore delle costruzioni attualmente in forte crisi in termini di investimenti che di occupati. L’evento ha quindi l’obiettivo di porre l’attenzione sul tema, sulla base anche dell’ultima rilevazione 2013 effettuata dal Ministero (SIMOI) e dalle Regioni, in attuazione dell’art. 44bis del DL 201/2011.

2° corso abilitante di formazione Ispettori “Protocollo ITACA” (60 ore) rivolto ai professionisti, riguardante il settore edilizia residenziale – sede ROMA

Pubblicato l'avviso relativo al secondo corso di formazione abilitante per Ispettori “Protocollo ITACA”, di cui al Regolamento tecnico RT-33 ACCREDIA, rivolto a professionisti pubblici e privati del settore edilizia residenziale. Il corso, di 60 ore, strutturato in 12 moduli didattici con esercitazioni ed esame finale, si terrà a Roma presso la sede Filca CISL in Via del Viminale 43,dal 9 marzo al 31 marzo 2015. Il corso, in particolare, si rivolge ai professionisti che secondo il Regolamento RT-33 ACCREDIA opereranno per conto degli Organismi di Ispezione per lo svolgimento delle attività di verifica della conformità del progetto e/o dell'edificio secondo il Protocollo ITACA, ai fini del rilascio del certificato d’ispezione. I professionisti che supereranno il corso saranno iscritti in un apposito elenco pubblicato sul sito internet di ITACA.

ANAGRAFE NAZIONALE DELLE OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE 2013

In ottemperanza al Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti 13 marzo 2013 n.42, sono stati pubblicati i dati relativi all’aggiornamento, per l’anno 2013, dell’anagrafe delle opere incompiute. Il censimento nazionale è realizzato dal Ministero delle infrastrutture e trasporti - Direzione Generale per la regolazione e i contratti pubblici in collaborazione di tutte le Regioni e le Provincie autonome ed il supporto operativo di ITACA. La graduatoria nazionale ha fotografato una situazione di centinaia di investimenti in opere pubbliche attivati dalle amministrazioni che per cause diverse sono rimaste incomplete e quindi non fruibili dalla collettività, rappresentando un gravissimo sperpero di risorse pubbliche ed il mancato soddisfacimento dei bisogni della collettività a cui sono state destinate. La banca dati rappresenta anche uno strumento conoscitivo per una corretta programmazione degli interventi sia a livello nazionale che territoriale. I dati a disposizione evidenziano come le incompiute comunicate dagli enti locali e dal Ministero (per quanto attiene alle opere di rilevanza nazionale) ammontano a oltre seicento, e quasi un miliardo e mezzo di euro è l’importo presuntivamente necessario per portarle a conclusione. Ciò acquisisce notevole importanza anche in relazione alle risorse che il governo sta valutando di inserire in un prossimo provvedimento, per far ripartire grandi opere ed investimenti, considerati motore di crescita e occupazione.

Massimo Giorgetti Presidente di ITACA

Nel corso dell’ultima seduta del Consiglio Direttivo di Itaca svolta lo scorso 16 luglio, Massimo Giorgetti subentra ad Ugo Cavallera in qualità di Presidente facente funzioni. Massimo Giorgetti, assessore della Regione Veneto con delega ai Lavori pubblici, Energia, Polizia Locale e Sicurezza, svolgerà quindi le funzioni sino alla nomina del nuovo presidente che sarà designato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. Ugo Cavallera, ex vicepresidente della Regione Piemonte, ha presieduto ITACA dal 2001 al 2002 e dal 2011 al 2014. La composizione del Consiglio Direttivo di ITACA è aggiornata, inoltre, con la presenza di: Mauro Baccega, assessore della Regione Valle d’Aosta con delega alle Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Edilizia Residenziale Pubblica; - Luciano Vecchi, assessore della Regione Emilia-Romagna con delega alle Attività Produttive, Piano Energetico, Economia Verde; - Francesco Balocco, assessore della Regione Piemonte con delega ai Trasporti, Infrastrutture, Opere Pubbliche, Difesa del Suolo; - Luciano D’Alfonso, Presidente della Regione Abruzzo; - Domenico Pesenti, Segretario Generale FILCA/CISL.

Le novità in materia di appalti pubblici: dal decreto legge n. 90/2014 al percorso di recepimento delle direttive UE

In riferimento al decreto legge 24 giugno 2014, n.90, recante “Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari” in corso di conversione, la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha espresso, in data 10 luglio, parere favorevole, presentando contestualmente taluni emendamenti al testo prodotto dal Governo. Tra le proposte emendative più rilevanti occorre segnalare che, in relazione alle funzioni attribuite all’Autorità nazionale anticorruzione (art. 19 del decreto-legge), le Regioni ritengono sia indispensabile operare una netta distinzione tra i compiti di vigilanza e di contrasto alla corruzione da attribuire all’ANAC ed i compiti di carattere “gestionale” di regolazione, da riportare nell’alveo delle attribuzioni tipiche del Ministero. Oltre a ciò, un più razionale utilizzo delle potenzialità delle sezioni regionali dell’Osservatorio che operano capillarmente nelle varie realtà territoriali, potrebbe migliorare ed efficientare le attività proprie dell’ANAC.

Riforma degli appalti pubblici – Audizione ITACA in Commissione Ambiente della Camera dei Deputati

ITACA è stata udita lo scorso 16 giugno dalla Commissione Ambiente della Camera dei Deputati in merito alla riforma degli appalti pubblici alla luce delle nuove direttive europee in materia. L’Istituto ha posto soprattutto l’attenzione sul fatto che il sistema attuale degli appalti è soffocato da un eccesso di normazione e dalla sovrapposizione di adempimenti informativi a carico delle stazioni appaltanti. I punti tracciati da Itaca in ordine alle criticità del sistema nazionale dei contratti pubblici hanno riguardato, in particolare: − riordino normativo, coordinamento e chiarezza delle norme; − riordino delle stazioni appaltanti; − semplificazione e razionalizzazione delle procedure di affidamento dei contratti pubblici; − revisione del sistema dei controlli; − oneri informativi delle stazioni appaltanti; − attività di vigilanza.

DECRETO LEGGE 66/2014 – ANALISI DELLE NUOVE NORME ATTINENTI AI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

In riferimento al decreto legge 24 aprile 2014, n.66, (Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale) in corso di conversione, nell’ambito del Gruppo di lavoro “Aggregazione della committenza pubblica” presso ITACA è stato predisposto un documento di analisi in merito specifico alle norme riguardanti gli affidamenti di contratti pubblici. In particolare, si ritiene che dette misure, volte alla riduzione della spesa pubblica, soprattutto per quanto riguarda l’acquisizione di beni e servizi attraverso l’aggregazione della domanda, seppur condivisibile nei suoi principi ispiratori, determineranno seri problemi strutturali, organizzativi e procedurali alle amministrazioni aggiudicatrici operanti sul territorio, ed in particolar modo ai comuni ed alle regioni, con il forte rischio di contrazione della domanda pubblica che, inevitabilmente, ripercuoterà i suoi effetti sul mercato degli appalti e del lavoro. Viene auspicato pertanto, anche sulla base del parere espresso dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome che ha avanzato alcune proposte emendative, una proroga dei termini della norma ovvero l’assegnazione ad un nuovo provvedimento dell’attuazione dei nuovi obblighi, altrimenti inapplicabili, onde consentire alle Regioni di strutturare e/o istituire i nuovi soggetti aggregatori previsti ed, agli enti del territorio, di definire operativamente un sistema organizzativo ed amministrativo idoneo a consentire una coerente aggregazione della domanda.

Presentata la Relazione annuale 2013 sull’attività svolta da ITACA

In occasione dell’Assemblea dei Soci di ITACA tenuta lo scorso 16 aprile per l’approvazione del bilancio consuntivo 2013 e preventivo 2014 è stata presentata la Relazione annuale sull’attività svolta dall’Istituto per il 2013 e su quanto programmato per il 2014. L’operato dell’Istituto è rivolto prevalentemente al settore delle costruzioni, perno fondamentale per lo sviluppo dell'economia italiana. In particolare, l’attività di ITACA, organo tecnico a supporto della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella sua funzione istituzionale, ha riguardato con prevalenza il settore degli appalti pubblici attraverso la realizzazione di strumenti di ausilio per le stazioni appaltanti per la gestione delle gare e dei contratti pubblici.

Comunicato del Comitato Promotore “Protocollo ITACA”

Chiarimenti in ordine ai corsi di formazione per la qualificazione professionale di cui al Regolamento RT-33 ACCREDIA.

Appalti Pubblici. Pubblicate le nuove direttive UE

Sono state pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 94 del 28 marzo 2014, le nuove tre direttive comunitarie in materia di appalti pubblici, settori speciali e concessioni. Le direttive entreranno in vigore il 17 aprile 2014. A partire da tale data, gli Stati membri avranno 24 mesi per trasporre le disposizioni delle nuove norme nel diritto nazionale.
La Direttiva 2014/24/UE sugli appalti pubblici, che abroga la direttiva 2004/18/CE, composta da 94 articoli e allegati, stabilisce norme sulle procedure per gli appalti indetti da amministrazioni aggiudicatrici, per quanto riguarda appalti pubblici e concorsi pubblici di progettazione il cui valore è stimato come non inferiore a: (segue)

Avviata la rilevazione per il 2014 delle opere pubbliche incompiute

In questi giorni le Regioni ed il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti hanno dato il via al rilevamento, per l’anno 2014, delle opere pubbliche incompiute. L’elenco-anagrafe è stato istituito presso il Ministero dall’art. 44-bis del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201 convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214. L’obiettivo è quello di coordinare, a livello informativo e statistico, i dati sulle incompiute al fine di attivare uno strumento conoscitivo per individuare, in modo razionale ed efficiente, le possibili soluzioni ottimali per l’utilizzo di tali opere attraverso il completamento ovvero il riutilizzo ridimensionato delle stesse, anche con diversa destinazione d’uso rispetto a quella originariamente prevista.

Costituito il Comitato Promotore del “Protocollo ITACA” per la promozione dell'edilizia sostenibile ed attivata la formazione per l’avvio del sistema di ispezione di cui al Regolamento tecnico ACCREDIA RT-33

Il Consiglio Direttivo ITACA nella seduta del 13 novembre 2013 ha costituito il Comitato Promotore del “Protocollo ITACA” per la promozione e diffusione della sostenibilità ambientale degli edifici, composto dall’arch. Claudio Tomasini della Regione Piemonte, presidente, dall’ing. Raffaela Fontana della Regione Marche e dall’ing. Giovanni di Bello della Regione Basilicata. Tra i compiti del Comitato rientra anche l’attuazione del Regolamento tecnico RT-33, approvato da ACCREDIA il 9 luglio 2013, che ha disciplinato il sistema di ispezione delle costruzioni nelle fasi di progettazione, realizzazione o in fase di esercizio, in conformità al “Protocollo ITACA”, strumento approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per la valutazione della sostenibilità ambientale degli edifici.

OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO DEI RELATIVI ONERI

Approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella seduta del 7 novembre 2013, le linee guida ITACA recanti “Realizzazione delle opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione”. Le Linee Guida sono il risultato dell’attività di uno specifico gruppo di lavoro costituito presso Itaca e coordinato dalla Regione Veneto, allo scopo di fornire strumenti operativi di ausilio alle piccole e medie amministrazioni aggiudicatrici nella realizzazione delle opere di urbanizzazione attraverso l’istituto dello scomputo dei relativi oneri.

ESITI CONVEGNO ITACA SVOLTO A VERONA IL 10 OTTOBRE 2013 NELL'AMBITO DI SMART-ENERGY: SOSTENIBILITA’ EDILIZIA E URBANA CON IL SISTEMA PROTOCOLLO ITACA

Il Protocollo Itaca è un sistema di valutazione della sostenibilità energetico-ambientale degli edifici, approvato nel gennaio del 2004 dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome, per definire una serie di regole condivise per i progetti con caratteristiche di bioedilizia ed è oggi uno strumento per promuovere la sostenibilità e per erogare incentivi economici. Dell’attuazione del Sistema Protocollo Itaca si è parlato a Verona, in un convegno promosso nell’ambito di “Smart Energy Expo”, fiera internazionale sull’efficienza energetica che dedica uno spazio significativo agli aspetti della sostenibilità edilizia e urbana, al quale è intervenuto anche l’assessore ai lavori pubblici della Regione del Veneto, Massimo Giorgetti, anche in veste di vice presidente di ITACA.

Al via la pubblicazione dell’elenco anagrafe delle opere incompiute.

Prende il via la pubblicazione dell’elenco anagrafe sulle opere incompiute in attuazione dell’art. 44 bis del decreto legge 6 dicembre 2011, n.201, convertito con modificazioni dalla legge 214/2011. Il censimento nazionale è stato realizzato con puntualità e nel rispetto di tutti i termini imposti dal legislatore in sede di prima attuazione dell’iniziativa in parola, dal Ministero delle infrastrutture e trasporti – Direzione Generale per la regolazione e i contratti pubblici - con la fattiva collaborazione di tutte le Regioni e le Provincie autonome ed il supporto operativo di Itaca, organo tecnico della Conferenza delle Regioni e delle Province.

Rigenerazione urbana, accordo Regione Toscana – ITACA per sistema di valutazione della qualità e sostenibilità degli interventi

Codificare un sistema di valutazione per la qualità urbanistica, architettonica, paesaggistica e sociale e per la sostenibilità energetico-ambientale degli interventi a scala urbana, e definire linee guida per la qualità delle città. E' quanto si propone l'accordo sottoscritto tra ITACA “Istituto per l'innovazione e la trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale” e la Regione Toscana, che coordina il gruppo di lavoro costituito da 8 regioni (Piemonte, Emilia-Romagna, Umbria, Marche, Campania, Puglia, Sardegna), istituti di ricerca e altri enti.

Costo del personale – Prime indicazioni operative sull’applicazione dell’art.82 del codice dei contratti pubblici

L’art. 32, comma 7-bis della legge 9 agosto 2013, n.98 di conversione del decreto legge 21 giugno 2013, n.69 (Disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia), entrato in vigore lo scorso 21 agosto, ha introdotto il nuovo comma 3-bis all’art.82 del D.Lgs. 163/2006. Tale nuova disposizione normativa inerente al criterio del prezzo più basso valutato anche sulla base del costo del personale e degli adempimenti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, sta producendo delle importanti ripercussioni nel settore degli appalti pubblici.

Avviata la rilevazione nazionale delle opere incompiute in attuazione del decreto 13 marzo 2013, n.42 di cui all’art.44-bis del D.L. 201/2011

Con il comunicato del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti pubblicato sulla G.U. 168 del 19 luglio scorso concernente l’avvio del Sistema Informatico di Monitoraggio delle Opere Incompiute (SIMOI), è partita operativamente la rilevazione di tutte le opere incompiute in Italia attraverso una organizzazione articolata a livello statale e regionale.

Approvato da ACCREDIA il nuovo Regolamento Tecnico RT-33 per l’accreditamento degli Organismi che svolgono controlli sugli edifici in conformità al “Protocollo ITACA”.

È stato approvato da ACCREDIA il Regolamento Tecnico RT-33 recante “Prescrizioni per l’accreditamento degli Organismi di Ispezione di tipo A, B e C ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020 in conformità al Protocollo ITACA”. Il Regolamento dà attuazione all’intesa – sottoscritta da ACCREDIA e ITACA con l’avallo della CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME – per la promozione delle certificazioni, rilasciate sotto accreditamento, che contribuiscono ad implementare le politiche regionali per la sostenibilità ambientale degli edifici.

Trasparenza e Pubblicità negli Appalti – Vademecum ITACA sui nuovi obblighi e il loro impatto sull’affidamento dei contratti pubblici

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato, nel corso della ultima riunione, le linee guida in materia di trasparenza e pubblicità degli appalti pubblici. Una sorta di vademecum - predisposto da ITACA (Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale) ed elaborato da uno specifico gruppo di lavoro interregionale coordinato dalla Regione Friuli-Venezia Giulia – che fornisce una ricognizione puntuale delle norme vigenti in materia di pubblicità e di trasparenza sui contratti pubblici, anche alla luce della produzione normativa intervenuta di recente.

Presentata a Roma la “Guida operativa ITACA per l’utilizzo del criterio d’aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa negli appalti di lavori pubblici di sola esecuzione”

Si è svolto a Roma, lo scorso 20 giugno, presso l'Auditorium dell’ANCE il Convegno "Guida operativa per l’utilizzo del criterio d’aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa negli appalti di lavori pubblici di sola esecuzione". Con l’evento, organizzato da ITACA in collaborazione con SITEB e ANCE, sono state presentate le linee guida ITACA approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome il 24 gennaio 2013, quale supporto alle stazioni appaltanti nella delicata gestione degli affidamenti di appalti di lavori pubblici per la sola esecuzione.

PRIMO RAPPORTO ITACA SULLE CENTRALI DI COMMITTENZA PER GLI APPALTI DEI PICCOLI COMUNI

Nella seduta del 10 aprile 2013 della Commissione infrastrutture, mobilità e governo del territorio della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome è stato esaminato e preso del Primo Rapporto sull’attuazione dei nuovi obblighi riguardanti “Le centrali di committenza per gli appalti dei piccoli comuni”. Il Rapporto è stato predisposto nell'ambito del gruppo di lavoro interregionale ITACA "Appalti Piccoli Comuni coordinato da Regione Umbria, in collaborazione con la Direzione Generale per la regolazione e i contratti pubblici del MIT. Nel corso del 2012, ITACA ha, infatti, realizzato un’ampia ricerca per verificare lo stato di attuazione del nuovo sistema di aggregazione degli appalti introdotto con l’art. 33, comma 3-bis del D.Lgs. 163/2006. I dati elaborati all’interno del Rapporto, censiti con la collaborazione degli Osservatori regionali sui contratti pubblici e del Servizio Contratti Pubblici (SCP) del MIT, fotografano lo stato di attuazione delle centrali di committenza. Il questionario è stato compilato da circa 1.200 comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti e che rappresentano il 70% circa degli 8.092 comuni italiani.

L’Assemblea di ITACA approva il bilancio di previsione 2013

Il 18 aprile 2013 si è svolta a Roma l’assemblea dei soci ITACA che ha approvato il bilancio economico al 31.12.2012 e il bilancio di previsione 2013. Il Presidente ha inoltre presentato a nome del Consiglio Direttivo la relazione sull’attività svolta dall’Istituto nel 2012. In particolare, l’ass.re Vincenzo Boitano, Vicepresidente ITACA che ha presieduto l’assemblea, ha ricordato come il 2012 sia stato un anno intenso per il lavoro svolto, importante sia per le Regioni ma anche per il sistema Paese. I temi trattati sono stati numerosi ed importanti e su questi Itaca è riuscita a concretizzare azioni efficaci e condivise. “Il ruolo dell’Istituto è riconosciuto ed apprezzato da tutti gli operatori del settore di riferimento ed è per questo” ribadisce l’ass.re Boitano “che dobbiamo continuare a garantire al nostro operato un livello di qualità elevato ed a carattere esclusivamente scientifico”.

DISPOSIZIONI URGENTI PER IL PAGAMENTO DEI DEBITI SCADUTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, PER IL RIEQUILIBRIO FINANZIARIO DEGLI ENTI TERRITORIALI, NONCHÉ IN MATERIA DI VERSAMENTO DEI TRIBUTI DEGLI ENTI LOCALI

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella seduta del 11 aprile scorso, ha elaborato una serie di emendamenti al provvedimento sul pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione varato dal Governo: il disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 35/2013: “Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia di versamento dei tributi degli enti locali”. Gli emendamenti sono stati presentati, in sede di Audizione, alla Camera dei Deputati nella Commissione speciale per l’esame degli atti di Governo, e al Governo in sede di Conferenza Unificata. In particolare, la difficile situazione economica e l’incerta evoluzione del contesto istituzionale e finanziario richiedono un incisivo impegno di tutti gli enti coinvolti nel risanamento dei conti pubblici coniugando il rigore e l’equilibrio di bilancio con politiche di sviluppo e crescita. Le Regioni ritengono che, nella coerenza e nel rispetto degli impegni di ciascun livello di governo tesi alla salvaguardia delle finanze pubbliche e alla revisione delle modalità di erogazione della spesa pubblica, si debbano mettere in campo tutti gli sforzi necessari per assicurare risorse idonee a favorire un parallelo percorso di rilancio dell’economia anche attraverso la riduzione delle sofferenze di imprese e soggetti che vantano crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Centrali di committenza per gli appalti nei piccoli comuni. Lo stato dell’arte in Italia nel primo Rapporto ITACA sull’attuazione dei nuovi obblighi

Le disposizioni recentemente introdotte all’art. 33, comma 3-bis del D.Lgs. 163/2006 sono destinate a modificare sensibilmente il sistema degli approvvigionamenti dei piccoli comuni. L’esigenza di razionalizzazione della spesa per gli acquisti della pubblica amministrazione ha infatti imposto di procedere alla riorganizzazione delle attività delle piccole amministrazioni locali mediante l’aggregazione e la gestione comune della domanda di lavori, servizi e forniture: più in particolare, l’imminente scadenza del prossimo 31 marzo 2013 impone ai comuni sotto i 5.000 abitanti di riorganizzare le proprie procedure di acquisto mediante il ricorso ad un nuovo modello organizzativo: la centrale di committenza.

Attività delle Regioni per la prevenzione nei luoghi di lavoro

Le Regioni e le Province Autonome esercitano un ruolo centrale in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro, ad esse infatti è attribuito il compito di svolgere, attraverso le Aziende Sanitarie Locali, l’attività di vigilanza e le azioni di supporto dirette ai lavoratori, alle imprese, alle organizzazioni di rappresentanza e a tutti gli altri soggetti coinvolti a diverso titolo. Il rapporto che si introduce, costituisce la sintesi dell’attività che le Regioni e Province Autonome, nel 2011, hanno realizzato in coerenza con gli obiettivi europei e nazionali, agendo nell’ambito di una consolidata e fattiva collaborazione con l’Amministrazione centrale dello Stato.

Legalità negli appalti pubblici: prima riunione del Comitato di attuazione del protocollo ITACA - CCASGO

Si è insediato il 15 febbraio 2013 il Comitato di attuazione del Protocollo di collaborazione in materia di legalità negli appalti pubblici sottoscritto il 10 ottobre tra il Comitato di Coordinamento per l’Alta Sorveglianza Grandi Opere (CCASGO) del Ministero dell’Interno e ITACA (Istituto per l’innovazione e Trasparenza degli Appalti e la Compatibilità Ambientale), organo tecnico della Conferenza delle Regioni. Obiettivi dell’organismo sono l’integrazione e la condivisione di banche dati nazionali e regionali sui contratti pubblici anche ai fini antimafia, analisi delle criticità del ciclo dei contratti e sviluppo e diffusione di buone prassi attraverso linee guida e protocolli di legalità.

APPALTI PUBBLICI: LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL’OFFERTA ECONOMICAMENTE PIU’ VANTAGGIOSA E LA REDAZIONE DEGLI STUDI DI FATTIBILITA’

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato, nella riunione del 24 gennaio scorso, la “Guida operativa per l’utilizzo del criterio di aggiudicazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa negli appalti di lavori pubblici di sola esecuzione” e le “Linee guida per la redazione di studi di fattibilità”, realizzate entrambe nell'ambito del gruppo di lavoro interregionale contratti pubblici di ITACA. “Soddisfatto per l’approvazione delle due importanti guide messe a punto sui tavoli tecnici di ITACA con la preziosa collaborazione dei rappresentanti delle istituzioni pubbliche, ordini professionali, imprese e sindacati, a cui va tutto il nostro ringraziamento”. E’ quanto ha sottolineato Ugo Cavallera, Presidente di ITACA, organo tecnico della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. “L’obiettivo del nostro lavoro” continua Cavallera “è quello di contribuire a migliorare qualitativamente il sistema della contrattualistica pubblica che assorbe gran parte spesa pubblica attraverso strumenti che possano aiutare concretamente l’operato dei tecnici delle stazioni appaltanti impegnati quotidianamente nella gestione di procedure sempre più complesse in un settore iper regolamentato. Inoltre, la crescente scarsità di risorse a disposizione delle pubbliche amministrazioni impone alle stesse di dotarsi di strumenti atti a consentirne una gestione ed una politica di investimenti pubblici che sia il più possibile razionale, efficiente ed economicamente sostenibile”.

PROTOCOLLO ITACA – REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI PER LA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE DELLE COSTRUZIONI

Sono numerosi i regolamenti che disciplinano l’attività edilizia adottati dagli enti locali secondo criteri di sostenibilità energetico e ambientale tracciati dal Protocollo Itaca. Già da tempo è costituito in Itaca uno specifico gruppo di lavoro interregionale per la definizione di un Regolamento edilizio comunale tipo capace di raccogliere gli elementi necessari a dare attuazione ai principi della sostenibilità ambientale nella trasformazione e gestione del territorio, ad integrazione dello schema di legge regionale in materia adottato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nel marzo 2007.

SERVIZIO CONTRATTI PUBBLICI - RAPPORTO ANNUALE 2011

E’ stato redatto da ITACA con la collaborazione della Direzione Regolazione e Contratti del Ministero delle infrastrutture e trasporti e dei Responsabili degli Osservatori regionali appalti pubblici il nuovo Rapporto annuale per il 2011 del Servizio Contratti Pubblici (SCP). SCP e l’insieme dei servizi erogati in collaborazione applicativa con i sistemi regionali costituiscono una organizzazione in rete di tipo federato in grado di coprire l’intera informazione nazionale sui bandi di gara, gli esiti delle procedure di affidamento e i programmi triennali delle opere pubbliche. I dati del Rapporto fotografano pertanto l’operatività del sistema integrato di servizi restituendoci uno “spaccato” assolutamente significativo del settore della committenza pubblica.

AVVIATA LA RILEVAZIONE DELLE CENTRALI DI COMMITTENZA DI CUI ALL’ART. 33 COMMA 3-BIS DEL DLGS 163/2006

Le recenti disposizioni normative hanno modificato sensibilmente il sistema degli approvvigionamenti pubblici. L’esigenza di razionalizzazione delle spese per gli acquisti della pubblica amministrazione ha portato alla riorganizzazione delle stazioni appaltanti attraverso l’aggregazione e gestione comune della domanda. A riguardo, nell’ambito della collaborazione istituzionale, il Ministero delle infrastrutture e trasporti – Servizio Contratti Pubblici, gli Osservatori regionali dei contratti pubblici ed ITACA, organo tecnico della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, hanno avviato una ricognizione dello stato di attuazione dell’art.33 comma 3-bis del d.lgs.163/2006 (centrali di committenza) da parte dei Comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, nell’ambito delle unioni dei comuni o convenzioni di cui agli articoli 32 e 30 del d.lgs. 267/2000.

OPERE INCOMPIUTE – PARERE FAVOREVOLE ESPRESSO DALLA REGIONI SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO CHE DISCIPLINA LA REDAZIONE DELL’ELENCO-ANAGRAFE DELLE OPERE PUBBLICHE INCOMPIUTE.

Lo scorso 25 ottobre è stato acquisito, in sede di Conferenza Unificata, il parere favorevole delle Regioni sullo schema di regolamento recante le modalità di redazione dell’Elenco-anagrafe delle opere pubbliche incompiute, nonché le modalità di formazione della graduatoria e i criteri di iscrizione delle opere in tale Elenco, ai sensi dell’art. 44-bis del DL 201/2011, convertito con legge n. 214/2011.

PROGRAMMAZIONE TRIENNALE DEI LAVORI PUBBLICI: NUOVA PROCEDURA ONLINE PER LA PUBBLICAZIONE DEI PROGRAMMI TRIENNALI ED ANNUALI ANCHE PER SERVIZI E FORNITURE

Operativa sul Servizio Contratti Pubblici (SCP) del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti la pubblicazione della nuova programmazione triennale dei lavori pubblici secondo le disposizioni del decreto ministeriale 11 novembre 2011 n.4509, in attuazione dell’art.128 comma 11 del Codice dei contratti pubblici. Dal prossimo 21 marzo è quindi anche prevista, per ciascuna amministrazioni, non in forma obbligatoria, la possibilità di elencare anno per anno l’approvvigionamento di servizi e forniture, in attuazione dell’art. 271 del DPR 207/2010.

NOMINATO IL NUOVO COMITATO DI PRESIDENZA DI ITACA

Il Consiglio Direttivo di Itaca, nella seduta del 27 settembre scorso, ha nominato, su proposta del Presidente Ugo Cavallera, il Comitato di Presidenza di cui fanno parte lo stesso Cavallera (Vicepresidente della Regione Piemonte), ed i Vicepresidenti Itaca Antonio Canzian (assessore Regione Marche), Edoardo Cosenza (assessore Regione Campania), Giovanni Boitano (assessore Regione Liguria) e Massimo GIorgetti (assessore Regione Veneto), designato anche Vicepresidente Vicario.

NORMA TECNICA DI RIFERIMENTO ITACA-UNI PER L’EDILIZIA SOSTENIBILE

Milano, 18 ottobre 2012 – ITACA e UNI firmano il protocollo sulla valutazione della sostenibilità ambientale ed energetica degli edifici. La sottoscrizione dell’accordo, a cui seguirà la stesura di una “prassi di riferimento” che avrà il sigillo dell’UNI, è svolta oggi nell’ambito di MADE Expo, la Fiera internazionale dell’architettura e dell’edilizia, in programma a Rho (Milano) dal 17 al 20 ottobre 2012.

Sostenibilità dei prodotti edili: Protocollo d’intesa tra ITACA e Federcostruzioni

Lo scorso 8 ottobre 2012 è stato sottoscritto a Roma un Protocollo d’intesa tra ITACA e Federcostruzioni per la promozione della sostenibilità ambientale dei materiali da costruzione. Con l’intesa si intende definire norme e prassi operative che possano premiare e incentivare la produzione e l’uso di materiali nella realizzazione delle costruzioni, ad alta prestazione ambientale.

Legalità negli appalti pubblici - Firmato Protocollo d'intesa ITACA-CCASGO

Alla presenza del ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri e del presidente della Commissione infrastrutture, mobilità e governo del territorio Sergio Vetrella, in rappresentanza della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, si è svolta ieri presso il ministero dell’Interno la cerimonia di sottoscrizione del Protocollo di collaborazione tra ITACA, organo tecnico della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ed il Comitato di Coordinamento per l'Alta Sorveglianza Grandi Opere, Organo del Ministero dell'Interno (CCASGO).

Pubblicata la Relazione sull'andamento del settore dei Contratti Pubblici in Sicilia nel 2011

L'Osservatorio Regionale dei Contratti Pubblici di lavori, servizi e forniture dell'Assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità della Regione Siciliana ha pubblicato la Relazione sull'andamento del settore dei Contratti Pubblici in Sicilia nel 2011. Relazione basata principalmente su una consistente banca dati relativa allo sviluppo dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture (dall’aggiudicazione al collaudo) alimentata via web dalle amministrazioni aggiudicatrici sul portale dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici.

Prima relazione del Comitato Antimafia di Milano

Presentata il 1 agosto scorso a Palazzo Marino la prima Relazione del Comitato Antimafia di Milano. La relazione del Comitato, nato per contrastare i fenomeni mafiosi e i loro affari anche in previsione dell’Expo, si concentra su quattro aree tematiche: appalti, turismo e ristorazione, ortomercato e analisi dell’infiltrazione sul territorio. Il Comitato Antimafia, nato nel novembre 2011 e composto dal professore Nando dalla Chiesa, dall’ex magistrato Giuliano Turone, dal professore Luca Beltrami Gadola e dall’avvocato Umberto Ambrosoli, ha tre obiettivi prioritari fissati dall’amministrazione comunale: l’elaborazione di indicazioni utili ad impedire alle organizzazioni di stampo mafioso di inserirsi negli appalti pubblici indetti dal Comune, con particolare riferimento ad Expo 2015, il monitoraggio del fenomeno mafioso in città, azione di promozione della cosiddetta antimafia sociale. Tra le proposte conclusive viene recepita anche quella dell’Istituto ITACA in ordine al sistema dei controlli e di indirizzo.

Aggiornate le Linea Guida ITACA per il PREZZARIO sugli Appalti Pubblici e Sistema informativo per la gestione dei prezzari regionali

Il gruppo di lavoro interregionale “Capitolati e Prezzari”, coordinato da Regione Liguria, ha approvato, nella riunione svolta lo scorso 19 luglio, la versione aggiornata delle “Linee Guida per la per la definizione di un Prezzario regionale di riferimento in materia di appalti pubblici – Parte I: Impostazione metodologica. Sezione Lavori”. Il testo della guida è stato oggetto di una razionalizzazione dei contenuti ed integrato con alcune indicazioni preliminari concernenti la definizione dell’incidenza degli oneri della sicurezza. Nell’incontro è stato anche illustrato da Regione Liguria, coordinatrice del gruppo di lavoro, il prototipo di “Sistema informativo Prezzario Itaca”.

Spending review: parere negativo delle Regioni

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, presieduta da Vasco Errani, ha approvato nella seduta del 25 luglio un documento sul provvedimento relativo alla Spending review. La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome valuta negativamente i contenuti del decreto-legge evidenziando quattro aspetti del provvedimento ritenuti fortemente critici che presentano anche profili di incostituzionalità.

Relazione sull’attività svolta dall’Unità Tecnica Finanza di Progetto nel 2011

Nel 2011, nel mercato europeo sono state finanziate 84 operazioni di PPP per complessivi 17,9 miliardi di euro; erano 112 operazioni lo scorso anno, per un valore di 18,3 miliardi di euro nel 2010. Il dato del 2011, caratterizzato anche da una minore durata media dei finanziamenti accordati, risente delle pressioni sui mercati finanziari internazionali, aumentate ulteriormente nel corso dell’anno.

Parere delle Regioni al disegno di legge di conversione del decreto per la crescita del Paese

Nella Conferenza Unificata del 5 luglio scorso le Regioni, esaminato il disegno di legge di conversione in legge del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, recante misure urgenti per la crescita del paese, hanno presentato una serie di osservazioni e proposte di emendamento. Al termine del confronto con il Governo le Regioni hanno condizionato l’espressione del parere favorevole all’accoglimento degli emendamenti proposti contenuti in un documento che è stato consegnato all’esecutivo.

Notifica Preliminare Unica Regionale - Presentato il prototipo per la dematerializzazione

Si è svolto lunedì 18 giugno scorso, a Bologna, il Convegno organizzato dalla Regione Emilia-Romagna e da ITACA per presentare il prototipo di dematerializzazione della notifica preliminare. La dematerializzazione della notifica preliminare (prevista dall’art. 99 del decreto legislativo 81/2008) attua l’obiettivo istituzionale di razionalizzazione dell’attività amministrativa.

LIBRO BIANCO - GARE DI APPALTO DEI SERVIZI DI GESTIONE PER I PATRIMONI PUBBLICI

Gare di appalto dei servizi di gestione per i patrimoni pubblici: come standardizzare gli strumenti, dematerializzare i processi, qualificare i progetti. Questo il focus del "Libro Bianco", presentato il 18 maggio scorso a Roma, in occasione del “6° Forum nazionale sui Patrimoni immobiliari urbani territoriali pubblici”, all’interno di FORUM PA 2012.

Gestione delle Interferenze – Il Portale DUVRI 8108

E' on-line il portale Duvri 8108 (www.duvri8108.it) che ha organizzato una procedura per la gestione delle interferenze nei contratti d'appalto (DUVRI), realizzato nell’ambito del progetto “Gestione delle Interferenze” promosso da Confindustria Vercelli Valsesia a cui ha collaborato anche ITACA. Il progetto è nato dalla necessità reale di individuare uno strumento che, step by step, guida il committente datore di lavoro negli adempimenti necessari per la corretta gestione delle attività interferenti.

Regione Liguria: nuovo regolamento per affidamenti e contratti.

Entrato in vigore il 4 maggio 2012 il Regolamento Regionale 5 Aprile 2012 n.2 recante "Regolamento esecutivo ed attuativo della legge regionale 11 marzo 2008, n. 5 (Disciplina delle attività contrattuali regionali in attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006 n. 163 e ss.mm.ii.) e successive modificazioni ed integrazioni e di attuazione dell'articolo 20 della legge regionale 13 agosto 2007, n. 30 (Norme regionali per la sicurezza e la qualità del lavoro) e dell'articolo 23, comma 2, della legge regionale 13 agosto 2007, n. 31 (Organizzazione della Regione per la trasparenza e la qualità degli appalti e delle concessioni)".

Regione Lazio: Sistema per la certificazione di sostenibilità energetico-ambientale.

La Regione Lazio ha adottato il Regolamento Regionale "Sistema per la certificazione di sostenibilità energetico - ambientale degli interventi di bioedilizia e per l'accreditamento dei soggetti abilitati al rilascio del certificato di sostenibilità energetico - ambientale". Il regolamento del 23 aprile 2012, al fine di promuovere la salvaguardia dell'integrità ambientale e il risparmio delle risorse naturali secondo i principi dello sviluppo sostenibile, definisce, ai sensi dell'articolo 9, comma 4, della legge regionale 27 maggio 2008, n. 6 (Disposizioni regionali in materia di architettura sostenibile e di bioedilizia) e successive modifiche:

ELETTO IL NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO DI ITACA

L’Assemblea dei Soci Itaca nella seduta del 19 aprile scorso ha eletto il nuovo Consiglio Direttivo dell’Istituto e, su proposta del Presidente Ugo Cavallera (Vicepresidente Regione Piemonte), già designato Presidente Itaca dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome il 22 settembre 2011, sono stati anche nominati, così come previsto dal nuovo Statuto dell’Associazione, quattro Vicepresidenti: Antonio Canzian (assessore Regione Marche), Edoardo Cosenza (assessore Regione Campania), Giovanni Boitano (assessore Regione Liguria) e Massimo Giorgetti (assessore Regione Veneto), designato anche Vicepresidente Vicario.

Sostenibilità ambientale nelle costruzioni, firmato il Protocollo d’intesa tra ITACA e ACCREDIA per la promozione dell’accreditamento e delle certificazioni a sostegno delle politiche regionali

Milano, 27 marzo 2012 – Firmato il Protocollo d’intesa tra ITACA, l’Istituto per l’innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale, ed ACCREDIA, l’Ente unico nazionale di accreditamento, per la promozione delle certificazioni rilasciate sotto accreditamento a sostegno delle politiche regionali per la sostenibilità ambientale delle costruzioni. L’accordo, siglato da Federico Grazioli, Presidente di Accredia, e Ugo Cavallera, Presidente di Itaca e Vicepresidente di Regione Piemonte, la cui firma era stata preceduta dall’approvazione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, getta le basi per la realizzazione di un sistema di certificazione nazionale in materia di sostenibilità ambientale degli edifici. Con riferimento al Protocollo Itaca e sotto il cappello dell’accreditamento, si pone l’obiettivo di garantire l’indipendenza, l’imparzialità e la competenza di chi valuta le conformità alle norme di riferimento.

In gazzetta ufficiale il decreto del Ministero delle infrastrutture e trasporti per la redazione e pubblicazione della programmazione in materia di servizi, forniture e lavori pubblici.

Pubblicato in gazzetta ufficiale 6 marzo 2012 n.55, il Decreto MIT recante “Procedura e schemi-tipo per la redazione e la pubblicazione del programma triennale, dei suoi aggiornamenti annuali e dell'elenco annuale dei lavori pubblici e per la redazione e la pubblicazione del programma annuale per l'acquisizione di beni e servizi ai sensi dell'articolo 128 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modificazioni e degli articoli 13 e 271 del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207”.

Parere della Conferenza delle Regioni sul decreto legge semplificazione

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella seduta del 22 febbraio scorso, ha espresso il proprio parere favorevole sul decreto legge 9 febbraio 2012, n. 5 recante “Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo”, condizionato all’accoglimento di alcuni emendamenti adottati dalle Regioni.

Guida operativa per la “Qualità dei bandi per l’acquisto di servizi nel sistema dei beni culturali”

Nell’ambito del Programma Operativo Miglioramento della Committenza Pubblica 2007-2009, gestito da Invitalia e finanziato dal FAS è stato realizzato il progetto “Qualità dei bandi per l’acquisto di servizi nel sistema dei beni culturali”. Il Progetto, ideato e sviluppato dal Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica (DPS), che ha visto la partecipazione operativa anche di ITACA, ha l’intento di fornire agli operatori della committenza pubblica uno strumento di immediata consultazione e di supporto nella gestione delle procedure di evidenza pubblica per l’affidamento di appalti di servizi culturali rientranti nella sfera di applicazione del D.Lgs. 163/2006, che sempre più di frequente, ricorrono alla esternalizzazione degli stessi.

Strumenti per l’implementazione di un sistema di gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro - Check list di autovalutazione per le piccole e micro imprese

Il Consiglio Direttivo di Itaca ha approvato la “Check list di autovalutazione per le piccole e micro imprese – Strumenti per l’implementazione di un sistema di gestione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”. Le checklist, elaborate nell’ambito del Gruppo di Lavoro interregionale “Sicurezza Appalti”, costituiscono un primo contributo soprattutto per le micro e piccole imprese e vogliono essere uno strumento operativo a supporto del datore di lavoro, per verificare il proprio livello di implementazione di un sistema di gestione della sicurezza (SGSL).

Aggiornamento normativo: D.L. 29 dicembre 2011, n. 216 – L. 24 febbraio 2012, n. 14 – D.L. 2 marzo 2012, n. 16

Nell’ambito del servizio di aggiornamento normativo avviato da Itaca sulle materie di maggiore interesse per l'Istituto, sono state esaminate le seguenti norme pubblicate in gazzetta ufficiale: D.L. 29/12/ 2011 – L. 24/02/2012 – D.L. 2/03/2012. Dette norme espongono la "Proroga di termini previsti da disposizioni legislative", la "Conversione in Legge, con modificazioni, del Decreto-Legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative. Differimento di termini relativi all'esercizio di deleghe legislative" e le "Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni tributarie, di efficientamento e potenziamento delle procedure di accertamento".

Linea Guida per la definizione di un PREZZARIO regionale di riferimento in materia di Appalti Pubblici

Il Consiglio Direttivo di Itaca nell’ultima seduta del 2011 ha adottato la “Linea Guida per la definizione di un prezzario regionale di riferimento in materia di appalti pubblici – Parte I: Impostazione Metodologica. Sezione Lavori”. Il documento nasce dall’esigenza manifestata in sede Itaca di uniformare ed omogeneizzare i Prezzari regionali in termini di impostazione metodologica ed analisi al fine di renderli comparabili ed omogenei, nelle singole voci, su tutto il territorio nazionale. L’attività, sviluppata nell’ambito del Gruppo di lavoro “Capitolati e prezzari” coordinato da Regione Liguria, è stata ampiamente partecipata oltre che da esperti di tutte le Regioni, anche dai rappresentanti degli operatori del settore (professionisti, imprese, produttori, sindacati e istituzioni pubbliche).

Rapporto ONRE 2010 per l'innovazione energetica in edilizia

Elaborato il Rapporto ONRE 2010 sui Regolamenti Edilizi Comunali. I Regolamenti Edilizi rappresentano una chiara chiave di lettera per verificare il cambiamento in corso, in Italia, nel modo di progettare e costruire. Sono infatti in crescita sia il numero di Comuni che ha messo mano ai propri strumenti di governo degli interventi edilizi, per introdurre nuovi criteri e obiettivi energetico ambientali, sia il campo dei temi di interesse, rendendo i regolamenti sempre interessanti per capire i processi in corso.

Principali norme di semplificazione per le imprese nel 2008-2011 - Dossier elaborato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

La Commissione Attività Produttive della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha elaborato un dossier sui “Principali interventi normativi di semplificazione per le imprese adottati a livello nazionale nel periodo 2008 – 2011”. Si tratta di un Dossier che nasce – come si legge nella premessa – dall’esigenza, emersa nell’ambito della Commissione, di una ricognizione della più recente normativa statale sui temi della semplificazione degli oneri amministrativi a carico delle imprese e della liberalizzazione del mercato dei servizi”.

Servizio di aggiornamento normativo

A partire dal 1 gennaio 2012 ITACA ha avviato un servizio di aggiornamento normativo sulle materie di maggiore interesse trattate dall’Istituto. L’attività, curata dalla dr.ssa Maria Grazia Bortolin, responsabile Affari legislativi della Direzione Lavori Pubblici della Regione Veneto, intende dare un contributo informativo ai tecnici delle stazioni appaltanti impegnati nelle varie discipline, attraverso l'elaborazione di prospetti di dettaglio sulle novità legislative ritenute d'interesse pubblicate in gazzetta ufficiale.

Interventi riguardanti le infrastrutture strategiche - 6° Rapporto di attuazione della Legge Obiettivo

ll 27 settembre 2011 è stato presentato alla VIII Commissione della Camera dei Deputati il "9° Allegato al Documento di Economia e Finanza 2011 (DEF)", recante lo stato di avanzamento del Programma per le infrastrutture strategiche. Il 20 settembre 2011 è stato anche presentato il "6° Rapporto sullo stato di attuazione della "legge obiettivo", curato dal Servizio Studi della Camera, che ricostruisce lo stato di attuazione del Programma delle infrastrutture strategiche al 30 aprile 2011.

LOMBARDIA - LINEE DI INDIRIZZO PER L’ATTIVITA’ DI COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

La Regione Lombardia con deliberazione n.10602 del 15 novembre 2011 ha adottato le linee di indirizzo per l’attivita’ di coordinatore per la sicurezza nei cantieri edili I contenuti delle linee di indirizzo per coordinatori della sicurezza nei cantieri edili è stata elaborata tenendo conto sia delle esperienze pratiche di coordinamento riscontrate nei cantieri e del diverso approccio dei coordinatori al loro ruolo, sia dell’andamento degli indici infortunistici del settore costruzioni sul territorio nazionale e lombardo.

Presentato a Roma il Rapporto di “Avviso Pubblico” sugli amministratori locali minacciati dalle mafie e dalla criminalità.

Sono 212 gli episodi di minacce e di intimidazioni di tipo mafioso e criminale ai danni di amministratori locali e personale della pubblica amministrazione – una media di 18 casi al mese, una ogni giorno e mezzo – censite per l’anno 2010 dall’Associazione Avviso Pubblico. Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie nel suo Rapporto intitolato Amministratori sotto tiro. Buona politica e intimidazioni mafiose.

Linee Guida per l’utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) – Spese di sviluppo e gestione

Nell’ambito dell’attività del Gruppo di lavoro Osservatori regionali Appalti presso ITACA sono state messe a punto le linee guida per l’utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) che la legge 3/2003 impone a tutte le amministrazioni di richiedere per ogni progetto d’investimento pubblico. La legge 136/2011 ha reso obbligatorio inoltre il CUP anche ai fini della tracciabilità dei flussi finanziari per prevenire fenomeni di infiltrazioni criminali. Il documento è stato realizzato in collaborazione con il Dipartimento per la programmazione, il coordinamento della politica economica della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

FRIULI VENEZIA-GIULIA - DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI PROGETTAZIONE, GENERALI E DI COLLAUDO

La Regione Friuli Venezia-Giulia ha approvate le modifiche alla disciplina sulla determinazione delle aliquote per le spese di progettazione, generali e di collaudo relative a tutte le opere pubbliche e di interesse pubblico.

Infortuni sul lavoro: Dossier Conferenza Regioni

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato il 27 ottobre un documento sulle “attività delle Regioni per la prevenzione nei luoghi di lavoro e per il contrasto agli infortuni sul lavoro e alle malattie professionali” nell’anno 2010. La presente relazione rende conto delle attività di prevenzione negli ambienti di lavoro svolte dalle Regioni nell'anno 2010, coerentemente agli indirizzi normativi contenuti nel D.P.C.M12.07: «Patto per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro» in esecuzione dell'accordo del 1° agosto 2007, nel Piano Nazionale della Prevenzione 2010 – 2012 e nell'art. 7 del DLgs. 81, relativo all'attivazione dei Comitati Regionali di coordinamento tra Pubbliche Amministrazioni deputate al controllo negli ambienti di lavoro.

Rapporto sulla legislazione tra Stato, Regioni e Unione europea

Venerdì 4 novembre è stato presentato a Perugia, nella sede del Consiglio Regionale dell'Umbria, il "Rapporto 2011 sulla legislazione tra Stato, Regioni e Unione europea", nell'ambito di una riunione interistituzionale promossa dal Comitato paritetico Senato della Repubblica, Camera dei Deputati, Conferenza dei Presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome.

Risoluzione del Parlamento europeo sulla modernizzazione degli appalti pubblici

Il 25 ottobre 2011 il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione a sostegno della modernizzazione degli appalti pubblici. Nella risoluzione si legge che le Piccole Medie Imprese (PMI), sulle quali si fonda buona parte dell’economia europea, riscontrano reali difficoltà ad accedere ai finanziamenti pubblici, riducendo cosi le proprie capacità di sviluppo e crescita. La risoluzione del PE adotta alcuni elementi necessari alla “sburocratizzazione” di tali procedimenti, promuovendo così una partecipazione egalitaria. La risoluzione promuove inoltre la fine del principio del prezzo più basso quale metro di giudizio per l’assegnazione di una gara d’appalto, rivoluzionando così l’attuale sistema gestionale.

REGIONE CALABRIA - APPROVATA LA LEGGE REGIONALE SULL'ABITARE SOSTENIBILE

Il Consiglio regionale della Calabria, nella seduta di lunedì 17 ottobre, ha approvato la legge regionale sull’abitare sostenibile. La legge stabilisce i criteri, gli indirizzi, i metodi e i contenuti degli strumenti di promozione e realizzazione di uno sviluppo sostenibile e durevole degli ambiti urbanistici ed edilizi, finalizzato a soddisfare le necessità di crescita e benessere dei cittadini nel rispetto delle risorse naturali. La legge si pone come strumento quadro di regolazione dei principi fondamentali della sostenibilità in edilizia a partire dalla pianificazione urbanistica.

Relazione al CIPE sull'attività svolta nel 2011 dall'Unità Tecnica Finanza di Progetto

Pubblicata dal Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica della Presidenza del Consiglio dei Ministri la "Relazione al CIPE sull'attività svolta nel 2011 dall'Unità Tecnica Finanza di Progetto (UTFP)". Nel 2010, sono state finanziate a livello europeo 112 operazioni di promozione di partnership pubblico-privato (PPP), per complessivi 18,3 miliardi di euro (15,3 miliardi di euro nel 2009). Il closing finanziario di tali operazioni ha beneficiato del leggero miglioramento delle condizioni di accesso al capitale di rischio e di credito, con la riduzione dei margini bancari (spread) e il progressivo aumento della durata media dei finanziamenti

Ugo Cavallera nuovo Presidente di ITACA

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella seduta del 22 settembre 2011, ai sensi dell’art. 22 dello Statuto di Itaca, ha designato quale Presidente dell’Istituto Ugo Cavallera, Vicepresidente della Regione Piemonte e assessore all’Urbanistica e programmazione territoriale, beni ambientali, edilizia residenziale, opere pubbliche, legale e contenzioso. Cavallera, già Presidente di Itaca dal 2001 al 2002, prende il posto di Massimo Giorgetti, assessore della Regione Veneto, che ha presieduto Itaca, in qualità di Presidente facente funzioni, dal settembre 2009.

ACQUISTI VERDI NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

E' stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 21 settembre 2011, n.220, il decreto del Ministro dell'ambiente del 25 luglio 2011 con il quale sono adottati i "criteri ambientali minimi" per l'acquisto, da parte delle P.A. , di prodotti e servizi nei settori della ristorazione e serramenti esterni. I criteri ambientali minimi sono gli elementi che qualificano una procedura di appalto "verde". Il concetto di Green Public Procurement o Acquisti verdi della Pubblica Amministrazione (GPP) è stato introdotto in Europa già a metà degli anni '90 ed è definito dalla Commissione europea come "l’approccio in base al quale le Amministrazioni Pubbliche integrano i criteri ambientali in tutte le fasi del processo di acquisto, incoraggiando la diffusione di tecnologie ambientali e lo sviluppo di prodotti validi sotto il profilo ambientale, attraverso la ricerca e la scelta dei risultati e delle soluzioni che hanno il minore impatto possibile sull’ambiente lungo l’intero ciclo di vita”.

PIEMONTE - AL VIA LE DOMANDE DI CONTRIBUTO PER REALIZZARE GLI EDIFICI DEL FUTURO AD ENERGIA QUASI ZERO

Da giovedì 15 settembre è iniziata la possibilità di fare richiesta di contributo per la realizzazione di edifici “a energia quasi zero”, ovvero ad altissima prestazione energetica e a utilizzo di energia proveniente prevalentemente da fonti rinnovabili. La Regione Piemonte è la prima in Italia ad adottare un provvedimento di questo tipo, che ha una forte componente sperimentale. Si tratta infatti di realizzare gli "edifici del futuro”, con standard costruttivi proiettati al 2020. La sperimentazione consiste nel costruire o ristrutturare edifici che richiedano la minor quantità possibile di energia, a prescindere da come essa sia prodotta. La domanda di energia è l’espressione della “bontà” dell’involucro (basse perdite di calore e alto utilizzo degli apporti gratuiti).

AL VIA LA STAZIONE UNICA APPALTANTE

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 200 del 29 agosto 2011 il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 giugno 2011 che istituisce la "Stazione Unica Appaltante, in attuazione dell'art. 13 della legge 13 agosto 2010, n. 136 - Piano straordinario contro le mafie", approvato dal Consiglio dei Ministri il 28 gennaio 2010. Il decreto, sul quale si era espressa positivamente la Conferenza Unificata il 25 maggio scorso, è finalizzato a promuovere l'istituzione in ambito regionale di una o più stazioni uniche appaltanti con modalità che ne incentivino una maggiore diffusione anche attraverso la sensibilizzazione delle amministrazioni aggiudicatrici.

Parere della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome al decreto legge sviluppo

Duro il parere espresso dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, anche se giunto con sommo ritardo, al decreto legge 13 maggio 2011, n.70 (decreto sviluppo), nella seduta della Conferenza Unificata del 7 luglio, poi rinviata, e approvato in ogni caso dalla Conferenza delle Regioni.

La Regione Liguria lancia il concorso audiovisivo “Cantiere sicuro futuro”

La Regione Liguria, in collaborazione con Genova Liguria Film Commission, promuove la prima edizione del Concorso audiovisivo "Cantiere sicuro futuro". L’iniziativa per premierà le migliori idee per una campagna di comunicazione sui problemi connessi con la tutela della sicurezza nei cantieri edili.

Costo del personale e sicurezza nella selezione delle offerte negli appalti - Prime indicazioni elaborate dal Gruppo di lavoro interregionale sui contratti presso ITACA

La legge 106/2011 di conversione del DL 70/2011 (decreto sviluppo), entrata in vigore lo scorso 13 luglio ha introdotto un importante novità nel criterio di scelta dell’offerta migliore che sicuramente avrà importanti ricadute su tutto il sistema di aggiudicazione e selezione degli appalti regolato dal codice dei contratti. In particolare la nuova norma, volta a migliorare le condizioni di lavoro e in genere a sostenere l’importante settore degli appalti, introduce il comma 3-bis all’art. 81 del d.lgs. 163/2006: “L’offerta migliore è altresì determinata al netto delle spese relative al costo del personale, valutato sulla base dei minimi salariali definiti dalla contrattazione collettiva nazionale di settore tra le organizzazioni sindacali dei lavoratori e le organizzazioni dei datori di lavoro comparativamente più significative sul piano nazionale, e delle misure di adempimento delle disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro”.

Regione Siciliana: Pubblicata sulla Gazzetta la legge di recepimento del codice dei contratti

Sul supplemento ordinario n. 1 alla Gazzetta ufficiale della Regione Siciliana n. 30 del 14 luglio 2011 è stata pubblicata la legge regionale 12 luglio 2011, n. 12 recante “Disciplina dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture. Recepimento del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni e del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207 e successive modifiche ed integrazioni. Disposizioni in materia di organizzazione dell'Amministrazione regionale. Norme in materia di assegnazione di alloggi. Disposizioni per il ricovero di animali.”

Presidenza del Consiglio dei Ministri: guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture

La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Segretariato generale, Dipartimento per le Politiche di Gestione e di sviluppo delle Risorse umane, ha pubblicato online il terzo volume della Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture che costituisce, unitamente al primo ed il secondo il primo manuale operativo emanato ai sensi dell'art. 2, comma 2 del DPCM 9 dicembre 2002 sull'autonomia finanziaria e contabile della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

REGIONE UMBRIA: LINEE GUIDA COSTI E ONERI SICUREZZA E COSTO MANODOPERA

Approvate con D.G.R. n. 569 del 7 giugno 2011 le Linee guida per il calcolo dei costi e degli oneri della sicurezza e per la determinazione del costo presunto della manodopera nell'affidamento dei lavori pubblici.

Stazione Unica Appaltante: favorevole la Conferenza Unificata allo schema di DPCM attuativo della legge 136/2010

La Conferenza Unificata nella seduta del 25 maggio 2011 ha espresso parere favorevole all’intesa sullo schema di decreto del presidente del Consiglio dei Ministri sulla stazione unica appaltante (SUA), in attuazione dell’art. 13 della legge 13 agosto 2010, n.136, recante “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al governo in materia di normativa antimafia”.

LIBRO VERDE DI PATRIMONI PA NET

“Analisi, indirizzi e proposte per il mercato dei servizi di gestione per i patrimoni pubblici”: questo il focus del “Libro Verde Patrimoni PA net”, presentato nell'ambito di Forum PA 2011. Il Libro Verde è il risultato del primo semestre di attività di Patrimoni PA net, il Laboratorio creato da Terotec e FORUM PA a cui partecipano i principali operatori del mercato dei servizi per i patrimoni pubblici (associazioni della PA, PA centrali e locali, associazioni di imprese, imprese, centri di studi e formazione), sotto la direzione scientifica di Terotec e con il coordinamento dell'AVCP Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici, di ITACA Istituto per l'Innovazione e la Trasparenza degli Appalti - Associazione Federale delle Regioni e delle Province Autonome e del TAIIS Tavolo Interassociativo delle Imprese dei Servizi.

DECRETO LEGGE SULLO SVILUPPO E IL RILANCIO DELL'ECONOMIA

Il decreto legge sullo sviluppo (decreto legge 13 maggio 2011 n.70) è in vigore dal 14 maggio dopo la promulgazione del Capo dello Stato e la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 13 maggio scorso. Il testo in vigore risulta in alcune parti modificato rispetto allo schema di decreto approvato dal Consiglio dei ministri il 5 maggio 2011. Il decreto legge sullo sviluppo è il primo di una serie di provvedimenti che verranno presentati nell'ambito del semestre europeo.

DPR 5 OTTOBRE 2010 N. 207 – EVENTO CONCLUSIVO DI AGGIORNAMENTO SUI CONTRATTI PUBBLICI (NAPOLI 24-25 MAGGIO 2011

Il 24 e 25 maggio 2011 si svolgerà a Napoli, presso l’Auditorium della Giunta regionale della Campania, centro Direzionale – Isola C3, il seminario conclusivo di aggiornamento in materia di contratti pubblici in vista della prossima entrata in vigore (8 giugno 2011) del DPR 207/2010. La finalità del seminario è quella di supportare le stazioni appaltanti nella corretta applicazione della normativa in materia di contratti pubblici, al fine di consentire comportamenti legittimi ed omogenei su tutto il territorio nazionale nel rispetto dei principi di efficienza, economicità, efficacia, trasparenza e buona amministrazione

APPROVATO IL NUOVO PROTOCOLLO ITACA NAZIONALE 2011 PER LA VALUTAZIONE DELLA SOSTENIBILITA’ ENERGETICO E AMBIENTALE DEGLI EDIFICI.

Il Consiglio Direttivo di Itaca ha approvato, nella seduta del 21 aprile scorso, il Protocollo ITACA Nazionale 2011 per la valutazione della sostenibilità energetico e ambientale degli edifici. Il nuovo Protocollo porta a compimento un lavoro durato quasi un anno del GdL per l’Edilizia Sostenibile, con il supporto tecnico qualificato di ITC-CNR e iiSBE Italia.

Pubblicato il Volume I° - Supporto Giuridico: risposte ai quesiti più frequenti in materia di contratti pubblici

La pubblicazione, realizzata e diffusa con periodicità semestrale, raccoglie ed organizza alcuni pareri d’interesse generale resi alle stazioni appaltanti dalla Unità Operativa di Coordinamento (UOC) istituita con Protocollo d’intesa tra Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e ITACA, nell’ambito del Servizio Contratti Pubblici (SCP).

Campania: approvazione linee guida in materia di Edilizia Residenziale Sociale

La Giunta Regionale ha approvato le linee guida per la valutazione della sostenibilità energetica e ambientale degli edifici – Protocollo Itaca sintetico 2009, come previsto dalla Lr 1/2011, che a gennaio ha modificato e sostituito la prima versione della norma per il rilancio dell’edilizia. Le linee guida varate in attuazione del DM 26 giugno 2009 sul rendimento energetico in edilizia, introducono criteri generali per la progettazione e realizzazione degli interventi edilizi in grado di assicurare la tutela ambientale e il risparmio energetico.

STATUTO DELLE IMPRESE: POSIZIONE DELLE REGIONI

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, dopo l’approvazione di un primo documento il 18 novembre 2010, è tornata a fornire una propria posizione in merito al Disegno di legge recante “Norme per la tutela della libertà delle imprese. Statuto delle imprese”, nella ultima versione approvata dalla Camera. A riguardo è stato adottato un ulteriore documento che fa il punto sulle criticità del provvedimento in itinere.

Realizzato dalla regione basilicata un software applicativo per il protocollo itaca sintetico residenziale

Sul sito del Dipartimento Infrastrutture OO.PP.e Mobilità della Regione Basilicata è disponibile il software applicativo del “Sistema di valutazione energetico-ambientale degli edifici residenziali - Protocollo sintetico Basilicata”, strumento di misurazione del livello di sostenibilità energetico-ambientale degli edifici a carattere residenziale per gli interventi edilizi da realizzarsi sul territorio regionale.

APPALTI PUBBLICI: REGIONI SU LIBRO VERDE UE

Nel corso della seduta del 24 marzo scorso la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha adottato un documento in ordine al processo di consultazione comunitario attivato dalla Commissione Europea inerente al “Libro Verde sulla modernizzazione della politica dell’UE in materia di appalti pubblici. Per una maggiore efficienza del mercato europeo degli appalti”.

Gli appalti pubblici in Calabria: pubblicato il 1° Rapporto Informativo triennio 2007/2009

La pubblicazione del 1° Rapporto Informativo sugli appalti pubblici in Calabria, curata dalla Sezione regionale dell’Osservatorio dei contratti pubblici, rientra tra le iniziative istituzionali messe in atto dall’Osservatorio per assicurare la massima trasparenza del mercato regionale degli appalti e per garantire un adeguato supporto alle amministrazioni aggiudicatrici. Il Rapporto si articola in capitoli dove vengono esaminati gli appalti pubblici di lavori, forniture, servizi e servizi di ingegneria e architettura con riferimento alle gare pubblicate e a quelle aggiudicate per classi di importo, per stazioni appaltanti, per procedura, per ribassi di aggiudicazione, per regione di provenienza dell’impresa aggiudicataria, ecc. e dove vengono inoltre approfonditi vari temi come ad esempio quelli dedicati alle analisi economiche e territoriali.

DPR 5 OTTOBRE 2010 N. 207 – CICLO INCONTRI DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI APPALTI PUBBLICI

Ciclo di incontri formativi, mirati all’aggiornamento del personale tecnico delle pubbliche amministrazioni, anche in vista della prossima entrata in vigore (l’8 giugno 2011) del d.P.R. 207/2010 - Regolamento di esecuzione ed attuazione del codice dei contratti pubblici.

PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL REGOLAMENTO ATTUATIVO DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI – DPR 207/2010

Nella Gazzetta Ufficiale n.288 del 10 dicembre 2010 (S.O. 270) è stato pubblicato il DPR 5 ottobre 2010 n.207: Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n.163, Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. Il Regolamento entrerà in vigore il 9 giugno 2011 (180 giorni dopo la pubblicazione in GURI) sostituendo il DPR 554/1999 e il DPR 34/2000.

Regione Emilia-Romagna: una legge per la legalità e la semplificazione nel settore degli appalti pubblici e dell'edilizia privata

Una risposta della Regione Emilia-Romagna all’infiltrazione di imprese legate alla criminalità organizzata. Pubblicata sul BUR la legge regionale 26 novembre 2010, n.11 recante "Disposizioni per la promozione della legalità e della semplificazione nel settore edile e delle costruzioni a committenza pubblica e privata". La nuova normativa punta a valorizzare le imprese virtuose (rimuovendo i comportamenti illegali che alterano il mercato e la libera concorrenza), a semplificare le normative del settore riducendo le pratiche cartacee e l’uso indiscriminato del massimo ribasso d’asta negli appalti, ad aumentare i controlli nei cantieri anche con l’utilizzo delle tecnologie informatiche necessarie per segnalare appalti nei quali possono annidarsi fenomeni di infiltrazione mafiosa, lavoro irregolare e usura.

Osservazioni e proposte di emendamenti delle REGIONI SUL TESTO UNIFICATO D’INIZIATIVA PARLAMENTARE A.C. 2754 RECANTE "NORME PER LA TUTELA DELLA LIBERTA' D'IMPRESA. STATUTO DELLE IMPRESE"

Approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella seduta del 11 novembre 2010 la proposta di modifica del testo unificato d'iniziativa parlamentare A.C. 2754 recante le “Norme per la tutela della libertà d'impresa. Statuto delle imprese.”, nel quale si sottolineano forti perplessità sulla congruità dello strumento legislativo per dare attuazione agli orientamenti sanciti dalla Commissione Europea in materia di impresa.

Come acquista la Pubblica Amministrazione.

Pubblicato da PROMO P.A. FONDAZIONE il primo rapporto nazionale "La Funzione Acquisti nella PA centrale e locale" che si pone l’obiettivo di ricostruire il profilo professionale dei Responsabili acquisti nella PA centrale e locale ed esaminare l’impatto dell’e-procurement sul contenimento della spesa della PA e in generale sull’efficienza e l’efficacia dell’azione amministrativa. I primi risultati dell’indagine fotografano un mondo in grande cambiamento, nel quale i responsabili acquisto svolgono un ruolo sempre più strategico, che richiede la capacità di organizzare la catena del valore per la P.A., conoscere i mercati di riferimento e utilizzare strumenti contrattuali innovativi in modo tale da stimolare concorrenza ed innovazione tra i fornitori.

SPECIALE NORME REGIONALI IN MATERIA DI SOSTENIBILITA’ ENERGETICA E AMBIENTALE DEGLI EDIFICI

Negli ultimi anni l’attività normativa delle Regioni in materia di sostenibilità energetica e ambientale degli edifici ha registrato un notevole sviluppo. Certamente l’input normativo sia a livello comunitario (Direttiva 2002/91/CE, direttiva 2006/32/CE) che nazionale (D.Lgs. 19 agosto 2005, n. 192 e s.m.i) ha stimolato il sistema regionale ad attuare il risparmio energetico, l’uso razionale dell’energia e la produzione energetica da fonti rinnovabili secondo i principi fondamentali dettati dalle stesse norme comunitarie. C’è però da registrare indubbiamente anche un notevole sviluppo normativo regionale teso a promuovere e incentivare la sostenibilità ambientale sia su scala urbana che nella realizzazione delle opere edilizie, sulla base del “Protocollo Itaca” per la valutazione della sostenibilità energetico e ambientale degli edifici e dello schema di legge regionale recante “Norme per l’Edilizia Sostenibile” promossi da ITACA e adottati dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome rispettivamente il 15/01/2004 e 15/03/2007. Norma, quest'ultima, finalizzata in particolare alla valorizzazione delle peculiarità territoriali storiche e costruttive proprie di ciascuna Regione.

Regione Liguria - Sottoscritto Protocollo d'intesa con la DIA contro le infiltrazioni negli appalti pubblici

La Regione Liguria e la Direzione Investigativa Antimafia di Genova (DIA) hanno firmato lo scorso 12 luglio, su proposta dell'assessore all'Edilizia e Lavori Pubblici Giovanni Boitano, un protocollo di intesa per prevenire e contrastare tentativi di infiltrazione malavitosa e irregolarità negli appalti pubblici e nei luoghi di lavoro. L'intesa prevede in particolare la collaborazione tra l'Osservatorio regionale dei contratti pubblici e la Dia che potrà così acquisire e monitorate i dati relativi ad appalti di lavori, servizi e forniture nei settori viabilità, sanità ed edilizia. L'intesa rientra nell'ambito delle iniziative della Regione per favorire la trasparenza e la qualità degli appalti.

ITACA: RAPPORTO ANNUALE SERVIZIO CONTRATTI PUBBLICI (SCP)

Come ogni anno è redatto da ITACA il Rapporto annuale relativo all’attività del Servizio Contratti Pubblici (SCP). Detto Servizio, nato a seguito dell’accordo tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ed ITACA, da attuazione a quanto previsto dal Codice dei contratti pubblici (in particolare artt. 66, 122, 124, 128, 253) in ordine alla pubblicazione di bandi e avvisi di gara e dei programmi triennali ed elenchi annuali, tramite l’apposito sito informatico www.serviziocontrattipubblici.it attivato presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e i siti informatici attivati presso le Regioni e le Province autonome, così come previsto rispettivamente dal D.M. 6 aprile 2001, n. 20 e D.M. 9 giugno 2005, n. 1021/IV.

CONFERENZA DELLE REGIONI: ERRANI CONFERMATO PRESIDENTE

Vasco ERRANI (Presidente della Regione Emilia-Romagna) e Michele IORIO (Presidente della Regione Molise), sono stati eletti all’unanimità rispettivamente Presidente e Vicepresidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. L’Assemblea ha inoltre approvato un Ordine del Giorno nel quale rinnova e conferma i contenuti costitutivi della propria libera e volontaria associazione.

CONSIGLIO DIRETTIVO ITACA: NUOVA COMPOSIZIONE

Ieri 26 maggio 2010, a Roma presso la sede della Regione Veneto, si è riunita l’Assemblea di Itaca per l’approvazione del bilancio. Il Presidente Massimo Giorgetti ha presentato la relazione annuale sull'attività svolta dall'Istituto nel 2009 e sui programmi di lavoro. L’Assemblea ha anche provveduto, a seguito delle recenti elezioni regionali, alla nomina di alcuni degli assessori regionali componenti il Consiglio Direttivo dell’Istituto.

On line la nuova versione grafica del sito www.capitolatitecnici.it

Da questa settimana è on line la nuova versione del sito nato grazie alla collaborazione tra Federazione ANIE e ITACA, in seguito alla quale sono stati sviluppati una serie di capitolati tecnici per impianti elettrici, elettronici ed ausiliari per diverse tipologie di strutture.

Regione Molise:Linee guida sulla sicurezza nei luoghi di lavoro

Pubblicate sul Bollettino Ufficiale del 13 aprile 2010 le "Linee Guida per il programma di interventi della Regione Molise 2009-2010 nel campo della sicurezza sui luoghi di lavoro e la salute dei lavoratori", approvato dalla Giunta Regionale con deliberazione del 15 marzo 2010 n. 151

Adottato il Protocollo ITACA nella Regione Lazio

La Giunta Regionale del Lazio ha approvato il Protocollo ITACA LAZIO 2009 per gli edifici residenziali e non residenziali e adottato il Regolamento Regionale recante "Sistema per la Certificazione della sostenibilità ambientale degli interventi di bioedilizia e l'accreditamento dei soggetti certificatori".

ABRUZZO: PUBBLICATE LE DISPOSIZIONI REGIONALI IN MATERIA DI ESPROPRIAZIONE

La legge reca la nuova disciplina della materia espropriativa nell’ambito del territorio regionale, al fine di fornire alle “autorità esproprianti” ed in genere agli operatori interessati alla esecuzione di opere pubbliche o comunque di pubblica utilità, gli strumenti preordinati alla realizzazione di un sistema di infrastrutture più efficiente attraverso lo snellimento delle procedure tese all’acquisizione delle aree e degli immobili necessari per la realizzazione degli stessi interventi.

CONVEGNO SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI - Evento conclusivo: ROMA, martedì 9 marzo 2010

L’evento è stato organizzato nell’ambito del Gruppo di Lavoro interregionale “Sicurezza Appalti” costituito presso ITACA, con la collaborazione delle Regioni Sicilia, Piemonte e Lazio, sedi delle tre manifestazioni. La giornata programmata a Roma per il 9 marzo 2010 è la “tappa conclusiva” di un percorso sul tema trattato che ha visto la realizzazione di due convegni, il primo svoltosi a Palermo, riguardante la gestione della sicurezza nei cantieri, e il secondo organizzato a Torino, incentrato sulle problematiche connesse alla materia della sicurezza nei contratti pubblici di servizi e forniture.

Primo passo per la costituzione dell'Osservatorio Nazionale sugli Infortuni Mortali e Gravi

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato nella seduta dell'11 febbraio 2010 l'atto costitutivo dell'Osservatorio Nazionale sugli Infortuni Mortali e Gravi. L'esigenza di utilizzare tutte le informazioni disponibili e monitorate dal Sistema Nazionale degli Infortuni Mortali per attivare azioni di prevenzione rivolte al sistema delle imprese e dei lavoratori, ha reso necesssario la costituzione del nuovo Osservatorio in collaborazione tra ISPESL, Regioni e Province autonome e INAIL. L'Osservatorio sarà costituito presso l'ISPESL anche al fine di attivare una forma di collegamento con gli Osservatori regionali, laddove esistenti.

PIEMONTE – ACCORDO CON L’ANTIMAFIA PER IL CONTROLLO DEGLI APPALTI

Siglato tra Regione Piemonte e Direzione Investigativa Antimafia (DIA) un Protocollo d’intesa atto all’utilizzo dei dati informativi rilevati dall’Osservatorio regionali appalti pubblici per garantire un maggiore e più penetrante controllo dei contratti pubblici in Piemonte di lavori, servizi e forniture sopra i 150 mila euro. Sono stimati circa 5000 appalti complessivi che saranno sotto l’ulteriore controllo dell’Antimafia. Sarà utilizzato l’applicativo SOOP – Sistema osservatorio opere pubbliche sviluppato dalla Regione che permetto un controllo in tempo reale delle informazioni relative alla programmazione triennale, bandi di gara, aggiudicatari, subappaltatori, incarichi, sal, varianti e importo di fine lavori.

Conferenza delle Regioni e delle Province autonome - Approvata la guida operativa per la sicurezza degli impianti ITACA

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nella seduta del 27 gennaio scorso ha licenziato la "Guida Operativa per la Sicurezza degli Impianti - Impianti Elettrici, predisposta dal Gruppo di Lavoro "Sicurezza Appalti" presso ITACA. Il manuale rappresenta un valido strumento dedicato agli impianti elettrici, sviluppato per le stazioni appaltanti e rivolto anche a tutti i soggetti interessati (progettisti, imprese e cittadini) per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro e negli ambienti di vita sui possibili pericoli derivanti dall'utilizzo di detti impianti, con riferimento al DM 37/2008. Il GdL Itaca ha in programma il completamento del tema attraverso lo sviluppo di guide dedicate ad ambienti a maggior rischio (locali ad uso medico, ambienti a rischio incendi, ecc.).

Aggiornamento 2010 Capitolati tecnici ITACA-ANIE. Nuova struttura relativa a Palazzi Uffici

La collaborazione tra ITACA e ANIE (Federazione Nazionale delle Industrie Elettrotecniche ed Elettroniche) ha permesso la realizzazione di un nuovo modello di capitolato tecnico per l'impiantistica elettrica ed elettronica nelle opere pubbliche, sviluppato sulla base di schede tecniche prodotto/impianto di facile consultazione e che trattano anche gli aspetti legati all'efficienza energetica. Il Capitolato 2010 è arricchito con l'aggiunta di una struttura specifica destinata ai "Palazzi uffici" che implementano le tipologie trattate: Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA), Edifici Residenziali, Edifici Scolastici, Edifici Ospedalieri, Palazzi Uffici.

Servizio Contratti Pubblici - Aggiornata la composizione dell'Unità Operativa di Coordinamento (UOC)

Con decreto 29/2010 il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti ha aggiornato la composizione della UOC - Unità Operativa di Coordinamento, istituita con Protocollo d'intesa sottoscritto dal Ministero, dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, con l'adesione di ITACA, con compito di asseverare gli schemi di parere in ordine a problematiche poste dalle stazioni appaltanti sulla corretta applicazione della normativa nazionale e regionale in materia di contratti pubblici. La nuova composizione vede la presenza dei rappresentanti del Ministero e di tutte le Regioni e le Province autonome, segno di una piena e proficua collaborazione istituzionale in ragione di un concreto aiuto alle amministrazioni aggiudicatrici.

BANDI TIPO IN CAMPANIA PER L'AFFIDAMENTO DEGLI APPALTI DI LAVORI PUBBLICI

La Regione Campania con d.G.R. n.1943 del 30 dicembre 2009, in attuazione alla legge regionale 3/2007, ha approvato schemi di bandi tipo, lettere d'invito e modelli di dichiarazioni. Tali schemi dovranno essere utilizzati da tutti gli enti e organismi della regione e da tutte le stazioni appaltanti operanti sul territorio per l'affidamento di appalti di lavori, finanziati con risorse della Regione Campania.

Servizi pubblici locali: problemi applicativi

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, nella seduta del 22 ottobre 2009, ha approvato un documento in cui si sottolineano alcune criticità in materia di servizi pubblici locali con riferimento all’articolo 15 del D.L. 135/2009 (che modifica l’art. 23 bis del D.L. 112/2008, convertito in L. 133/2008).

Astorre nuovo Presidente del Consiglio Regionale del Lazio

Bruno Astorre è stato eletto lo scorso 16 settembre Presidente del Consiglio Regionale del Lazio. Astorre, dal 2005 assessore ai Lavori Pubblici della Regione Lazio, era stato nominato presidente di ITACA dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome in data 9 febbraio 2006 e riconfermato il 29 aprile 2009. Astorre subentra a Guido Milana, dimessosi l'11 settembre perche' eletto al Parlamento Europeo alle ultime elezioni.

Servizio Contratti Pubblici - Rapporto annuale 2008

Il rapporto annuale 2008 è il risultato di elaborazioni derivanti dal Servizio Contratti Pubblici realizzate con la collaborazione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e di tutte le Regioni e le Province autonome. Il Rapporto fotografa, in particolare, anche lo stato e il grado trasparenza dell’attività delle pubbliche amministrazioni.

INDICAZIONI IN ORDINE ALLE PROBLEMATICHE APPLICATIVE DELLE DISPOSIZIONI NORMATIVE INERENTI ALLE OPERE A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

Con il terzo decreto correttivo del Codice dei contratti pubblici (D.Lgs. 152/2008) il legislatore è intervenuto di nuovo sulle norme in materia di opere a scomputo degli oneri di urbanizzazione introducendo due novità importanti: la unificazione delle opere di urbanizzazione primaria e secondaria sotto un’unica disciplina e il loro assoggettamento al Codice dei contratti pubblici, a prescindere dalla soglia in cui ricadono.

La Regione Marche verso un sistema di certificazione energetico-ambientale degli edifici basato sul protocollo Itaca.

La Giunta Regionale delle Marche, nella seduta del 11 maggio 2009, in attuazione della legge regionale 14/2008 “Norme per l’edilizia sostenibile”, ha adottato le “Linee guida per la valutazione energetico-ambientale degli edifici residenziali”, basate sul Protocollo Itaca di cui riprendono i principi e le modalità applicative, contestualizzato alla realtà costruttiva regionale. Le linee guida costituiscono la strumentazione tecnico-scientifica di riferimento per effettuare la certificazione energetico-ambientale, a carattere volontario, volta a innescare soprattutto un meccanismo virtuoso e di qualità più rispettose delle nel comparto delle costruzioni.

PROPOSTE DELLE REGIONI DI MODIFICA ALL'ART. 61, COMMI 7-bis E 9, DEL DL. 112/2008 – INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE

Nella seduta del 29 aprile scorso la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato un documento, adottato dalla Commissione Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio, contenente proposte di modifica all’articolo 61 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito con modificazioni dalla legge 133/2008. In particolare si tratta di modifiche atte a rendere univoca la interpretazione della norma inerente ai compensi per prestazioni ed incentivi ai dipendenti pubblici per attività di progettazione, piani di sicurezza, direzione lavori, collaudi, in relazione a contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. Il documento, già trasmesso al Governo, sarà discusso nella prima riunione utile della Conferenza Unificata.

AUDIZIONE ITACA PRESSO LA COMMISSIONE VIII ALLA CAMERA DEI DEPUTATI IN MERITO ALLA PROPOSTA DI LEGGE SUL SISTEMA CASA QUALITA’

Lo scorso 30 aprile ha avuto luogo l’audizione informale di ITACA presso la Commissione VIII (Ambiente, territorio e lavori pubblici) della Camera dei Deputati nell’ambito dell’esame della proposta di legge C. 1952 recante “Sistema casa qualità. Disposizioni concernenti la valutazione e la certificazione della qualità dell’edilizia residenziale”.

CONFERMATI PRESIDENTE E VICEPRESIDENTI DI ITACA

La Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, nella seduta del 29 aprile 2009, a norma degli artt. 22 e 18 dello Statuto di ITACA, ha nominato Bruno Astorre (assessore Regione Lazio) Presidente dell’Istituto e riconfermato Massimo Giorgetti (assessore Regione Veneto) e Onofrio Introna (assessore Regione Puglia) Vicepresidenti.

PARERE NEGATIVO ESPRESSO DALLE REGIONI SUL TESTO UNICO SICUREZZA

Nella Conferenza Stato-Regioni tenuta lo scorso 29 aprile, le Regioni hanno espresso parere negativo, adottato a maggioranza (le Regioni Lombardia e Abruzzo hanno espresso parere positivo), sullo schema di decreto legislativo che modifica ed integra il testo unico in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

CONFERENZA UNIFICATA - Parere positivo delle Regioni allo schema di Regolamento di attuazione del Codice dei Contratti Pubblici

Il lungo iter di adozione dello schema di Regolamento di Attuazione del Codice dei Contratti Pubblici segna un altro passo. La Conferenza Unificata, nella seduta del 25 marzo 2009 ha espresso parere favorevole allo schema di norma, tenendo conto delle modifiche concordate con le Regioni e con l'Anci. L'iter di adozione in corso prevede ancora il concerto con i ministeri interessati e successivamente il parere ultimo del Consiglio di Stato da rilasciare entro 45 giorni. Si presume quindi la definitiva approvazione del Consiglio dei Ministri entro l'estate.

RICOSTRUZIONE IN ABRUZZO

La Regione Abruzzo comunica di aver attivato un fondo di solidarietà in favore delle popolazioni colpite dal sisma. Per effettuare donazioni, all'interno maggiori dettagli.

ELETTO IL NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO ITACA

L’Assemblea dei Soci Itaca, nella seduta del 26 marzo 2009, ha eletto il nuovo Consiglio Direttivo e nominato i due Vicepresidenti dell’Istituto, in attesa della designazione del Presidente da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

Regolamento attuativo del Codice dei contratti pubblici. Osservazioni ed emendamenti presentati dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha posto, con due documenti approvati nella seduta del 22 gennaio 2009, alcune questioni di carattere generale ed altre di carattere specifico sullo schema di Regolamento di esecuzione ed attuazione del Codice dei contratti pubblici, destinato ad essere prossimamente adottato dal Governo. I due documenti sono il frutto di un intenso ed approfondito esame svolto dal Gruppo di Lavoro interregionale “Codice contratti pubblici”, attivo presso ITACA, a supporto della Commissione Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio della Conferenza delle Regioni, che ha visto impegnate le più qualificate professionalità regionali in materia, con il contributo anche delle autonomie locali e degli operatori del settore.

I CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI IN EMILIA-ROMAGNA NEL 2007

Il rapporto annuale pubblicato dalla Sezione Regionale Osservatorio Emilia-Romagna fornisce una panoramica dell’andamento fatto registrare dal mercato dei lavori pubblici, delle forniture e dei servizi nei settori ordinari o speciali a livello regionale.

Sottoscritto da ITACA un Protocollo di collaborazione con il “Dipartimento Itaca” dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.

E’ stato firmato ieri a Roma, presso la sede della Regione Lazio, un Protocollo di collaborazione tra ITACA e il Dipartimento Itaca dell’Università degli studi di Roma “La Sapienza. L’obiettivo dell’accordo è quello di attivare un rapporto di collaborazione sui settori di comune interesse e promuovere una più significativa collaborazione fra le Regioni e la rete delle Facoltà Universitarie di Architettura italiane.

PALERMO 28/10/2008 - CONVEGNO NAZIONALE ITACA SULLA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI CONTRATTI PUBBLICI

Si è svolto a Palermo il 28 ottobre scorso il primo convegno nazionale, dei tre in programma, sulla gestione della sicurezza nei contratti pubblici. Gli altri due appuntamenti sono previsti a Torino l’11 dicembre 2008 e a Roma, quale evento conclusivo, il 27 gennaio 2009. Hanno preso parte alla manifestazione di Palermo il vice presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana, gli assessori ai lavori pubblici, sanità e lavoro della Regione Siciliana, oltre che rappresentanti del Ministero delle Infrastrutture, Ministero del Lavoro, Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici, numerosi rappresentanti di diverse regioni italiane, del mondo imprenditoriale, professionale e sindacale.

Corruzione negli appalti pubblici – Nuovi principi adottati dall’OCSE

Il Consiglio dell’OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico) con apposita raccomandazione adottata il 16 ottobre 2008, ha individuato alcuni principi per la valorizzazione dell’integrità negli appalti pubblici. L'OCSE invita i paesi membri a rafforzare la lotta contro la frode e la corruzione nelle varie fasi dell’appalto, affrontando in maniera consona i rischi di sprechi che hanno un enorme peso economico sulla intera collettività. Tra i vari punti della raccomandazione viene espresso, in particolare, un invito alle amministrazioni per contrastare la corruzione e migliorare la governance attraverso una maggiore trasparenza dell’intera procedura di appalto al fine di garantire un trattamento equo ai potenziali candidati nella gara.

PROBLEMATICHE IN ORDINE ALL'APPLICAZIONE DELL'ART. 61 COMMI 8, 9 E 17 DELLA LEGGE 133/2008 - ORDINE DEL GIORNO ADOTTATO DAL CONSIGLIO DIRETTIVO ITACA

Nella seduta del 9 ottobre 2008 il Consiglio Direttivo di Itaca ha assunto uno specifico Ordine del Giorno in merito alle problematiche in essere sull'applicazione dell’articolo 61 commi 8, 9 e 17 della Legge 133/2008 recante “Ulteriori misure di riduzione della spesa ed abolizione della quota di partecipazione al costo per le prestazioni di assistenza specialistica”. Tale norma ha introdotto disposizioni che hanno dato luogo ad interpretazioni diverse fra gli operatori del settore.

IL TERRITORIO E’ COSA NOSTRA – COSTRUIRE 06/10/2008

Articolo di Flavio Bertamini pubblicato su “Costruire” del 6 ottobre 2008, n. 305. C’è un paese che, pur ossessionato dalla sicurezza, sembra avere dimenticato la questione mafiosa. Riordina la materia dei contratti pubblici senza chiudere le voragini legislative che consentono alle società controllate dalla criminalità organizzata di prosperare. Richiede la certificazione antimafia soltanto ad appaltatori, subappaltatori e cottimisti, tralasciando le attività di fornitura e posa, nolo a caldo e a freddo che da sempre rappresentano il core business delle aziende illegali. Vede i colossi del settore delle costruzioni calcestruzzi, Italcementi e Impregilo, accusati dalle Procure di prossimità con mafia, n’drangheta e camorra negli appalti acquisiti al sud, correre ai ripari: Italcementi presentando un codice di governance aziendale nei territori a rischio redatto da un gruppo di saggi fra cui spicca la figura dell’ex procuratore antimafia Pierluigi Vigna, Impregilo nominando alla presidenza di Fibe e Fibe campania l’ex prefetto di Milano Bruno Ferrante.

Seminario CNEL – Presentazione rapporto ITACA su “Il contrasto dei fenomeni di illegalità e della penetrazione mafiosa nel ciclo del contratto pubblico”

Si è tenuto a Roma lo scorso 9 luglio un seminario organizzato dall’Osservatorio socio-economico sulla criminalità, presso il CNEL, per la presentazione del rapporto ITACA su “Il contrasto dei fenomeni di illegalità e della penetrazione mafiosa nel ciclo del contratto pubblico. All’incontro ha partecipato il Ministro delle Infrastrutture, on. Altero Matteoli, e l'on. Antonio Di Pietro. Il rapporto di ricerca si concentra sulle problematiche relative alla gestione dei contratti pubblici, dalla programmazione al collaudo, anche alla luce delle norme intervenute negli ultimi anni, evidenziando i fenomeni di illegalità con particolare attenzione alle infiltrazioni delle organizzazioni malavitose.

SITAR – Sistema Informativo Telematico Appalti Regionale

E’ stato presentato il 23 giugno 2008 a Napoli, il SITAR (Sistema Informativo Telematico Appalti Regionali) della Regione Campania. Il sistema creato concentra in un unico sistema regionale di monitoraggio degli appalti gli obblighi informativi delle stazioni appaltanti ricadenti sul territorio regionale, dalla fase di programmazione a quella di collaudo. Il sistema della Campania, aggiunge un tassello all’attuazione del progetto ITACA di creare il “Sistema informativo federato sugli appalti pubblici”, organizzato ed articolato tra le Regioni e tutti gli organismi nazionali competenti in materia, per operare la massima trasparenza in un settore delicato quale quello degli appalti pubblici. Operativi già sul territorio nazionale i SITAR attivati dalle Regioni Piemonte, Emilia-Romagna, Basilicata, Liguria, Lombardia e Friuli-Venezia Giulia.

Approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome due linee guida in materia di sicurezza appalti

“Linee guida per la stima dei costi della sicurezza nei contratti pubblici di forniture o servizi” e “Linee guida per il coordinamento della sicurezza nelle Grandi Opere” sono due manuali operativi in tema di sicurezza appalti, predisposti dal gruppo di lavoro interregionale istituito presso Itaca ed approvate dalla Conferenza delle Regioni nella seduta del 20 marzo 2008. Alla realizzazione delle guide hanno contribuito operativamente, condividendone i contenuti, anche i rappresentanti delle amministrazioni statali, degli ordini professionali, associazioni imprenditoriali e sindacali.

Approvato il Protocollo d’intesa tra la Conferenza Stato-Regioni e l’Autorità sui contratti pubblici per la definizione e l’articolazione dell’Osservatorio nazionale sui contratti

La Conferenza Stato-Regioni e l’Autorità sui contratti pubblici hanno approvato lo scorso 26 marzo un Protocollo d’intesa atto a realizzare forme stabili di collaborazione e cooperazione tra la stessa Autorità e Conferenza per la definizione e l’articolazione dell’Osservatorio dei contratti pubblici in una Sezione centrale e in una Sezione territorialmente decentrata (Concerto ai sensi dell’art. 7, comma 1, del D.lgs. 163/2006).

Forum sulle normative tecniche per le costruzioni

Le “Nuove norme tecniche per le costruzioni” sono in vigore, a partire dal 5 marzo 2008. È, pertanto, di ogni evidenza l’importanza della fase sperimentale che si apre per tutti gli utilizzatori delle stesse norme tecniche per le costruzioni e, quindi, l’importanza dell’opportunità-necessità di un loro diretto apporto, tanto più utile rispetto ad esperienze applicative. A tal fine, si è ritenuto di aprire uno specifico “Forum sulle normative tecniche per le costruzioni.

Relazione sull'attività svolta nel 2007

Presentata la relazione annuale sull’attività svolta da Itaca nel corso del 2007. Nella sua presentazione il Presidente di Itaca, Bruno Astorre, davanti ai rappresentanti delle Regioni, delle associazioni imprenditoriali, dei professionisti e dei sindacati, ha ricordato come il 2007 sia stato per l’Istituto un anno particolarmente positivo per tutte le iniziative e i progetti realizzati in termini di risultati ottenuti, rafforzando un ruolo sempre teso a dare un significativo e qualificato apporto alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, a tutte le amministrazioni, operatori del settore e all’intero Paese.

Su internet i Capitolati Tecnici

Attivato online il nuovo sito internet www.capitolatitecnici.it che mette in rete in gratuita diffusione i contenuti tecnici dei capitolati per le gare di appalto nell’impiantistica elettronica, elettrotecnica e ausiliaria. Il portale è rivolto soprattutto agli operatori del mercato delle costruzioni: amministrazioni, progettisti ed installatori di ambito pubblico e privato. L’iniziativa nasce attraverso una operativa collaborazione tra Itaca ed ANIE – Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche, che ha permesso la realizzazione di specifici capitolati per diverse tipologie di edifici: RSA (Residenze Sanitarie Assistenziali), Residenziali, Scolastici ed Ospedalieri. L’intento di Itaca ed Anie, seguendo quelle che sono le esigenze della pubblica amministrazione, è quello di sviluppare un’opera sempre più completa estendendo i capitolati alle più diffuse tipologie costruttive.

ITACA membro UNEP SBCI (Organo delle Nazioni Unite che sviluppa politiche ambientali)

L’attività di Itaca nel settore dell’edilizia sostenibile è stata riconosciuta anche a livello internazionale. L’Associazione delle Regioni e delle Province Autonome che ha sviluppato il “Protocollo ITACA”, fa oggi parte dell’UNEP SBCI www.unepsbci.org (Sustainable Building & Construction Industry).

SPECIALE NORME REGIONALI: APPALTI E SICUREZZA

SPECIALE CODICE CONTRATTI PUBBLICI

www.serviziocontrattipubblici.it – Attivato il nuovo portale sugli appalti pubblici

In osservanza alle disposizioni previste dal nuovo Codice dei contratti pubblici è stato attivato online il nuovo sito web dedicato agli appalti pubblici. Il portale è stato creato attraverso la collaborazione tra ITACA, Ministero delle infrastrutture e Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

Audizione di Astorre presso la Commissione VIII della Camera dei Deputati sul Codice dei contratti pubblici

Si è svolta il 30 gennaio scorso l’audizione della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome presso la Commissione VIII “Ambiente, territorio e lavori pubblici” della Camera dei Deputati, rappresentate dall’assessore Bruno Astorre, Presidente di ITACA, sulle problematiche riguardanti il Codice dei contratti pubblici.

Negativo il parere espresso dalle Regioni sul secondo schema di decreto legislativo correttivo del Codice dei contratti pubblici

Le Regioni si sono espresse in maniera negativa in sede di Conferenza Unificata sullo schema di decreto legislativo correttivo del Codice dei contratti presentato nella seduta del 15 marzo u.s. dal Ministero delle infrastrutture.

Approvata dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome la legge guida elaborata da ITACA in materia di “Edilizia sostenibile”

Nella seduta del 15 marzo scorso la Conferenza delle Regioni ha detto si alla proposta di “legge guida” regionale sulla edilizia sostenibile eleborata da uno specifico gruppo di lavoro interregionale presso ITACA coordinato dalla Regione Marche.

Agevolazioni bancarie per l'edilizia sostenibile

Condizioni bancarie agevolate per l'edilizia sostenibile in applicazione del protocollo ITACA. Benefici economici a favore delle amministrazioni, delle imprese e degli acquirenti di unità abitative reallizzate con i requisiti previsti dal protocollo per la valutazione energetico-ambientale degli edificio.

Capitolati tecnici per impianti elettrici ed elettronici ITACA-ANIE

Si implementa con altri prodotti la serie di capitolati tecnici per impianti elettrici ed elettronici elaborati da ITACA e ANIE (Federazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) nell’ambito del gruppo di lavoro in materia di “Capitolati tecnici e prezzari”.

Investimenti ed opere pubbliche in Toscana

Predisposto il rapporto annuale dell'Osservatorio Regionale sugli Appalti Pubblici della Toscana. L'archivio delle opere pubbliche dell'Osservatorio regionale ha consentito di analizzare l'ammontare e la distribuzione territoriale in ambito regionale delle opere pubbliche, oltre che le procedure di aggiudicazione e di realizzazione dei lavori.

Programmazione triennale lavori pubblici 2005-2007 Programmazione triennale lavori pubblici 2005-2007

Pubblicati i nuovi schemi-tipo per la redazione e pubblicazione del programma triennale 2005-2007 e dei suoi aggiornamenti annuali. Con decreto 1021/IV del 9 giugno 2005 (pubblicato sulla G.U. n. 150 del 30 giugno 2005) il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha modificato e sostituito il precedente decreto 898/IV del 22 giungo 2004 e relative schede allegate riguardanti i programmi triennali che le tutte amministrazioni aggiudicatrici sono tenute ad adottare entro il 15 ottobre di ogni anno.

Schema di Legge Regionale sui LL. PP.

Norme quadro per la disciplina regionale in materia di lavori pubblici. D. L. adottato dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e Provincie autonome il 13 marzo 2003.

Qualità negli appalti pubblici - Servizio Agevolato di consultazione delle Norme Tecniche nel settore delle Costruzioni

Attivo il Servizio di consultazione internet agevolato delle Norme tecniche inerente il settore delle Costruzioni, per le Amministrazioni Aggiudicatrici, a seguito dell’intesa sottoscritta da ITACA con UNI (Ente Nazionale di Normazione) e la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.

Sicurezza Cantieri - Linee Guida per L’applicazione del D.P.R. 222/03

02/03/2006 - Approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome nell’Assemblea del 1 marzo 2006, le “Linee guida per l’applicazione del D.P.R. 222/03 – Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, in attuazione dell’art. 31, comma 1 legge 109/94”, predisposte dal gruppo di lavoro “Sicurezza Appalti Pubblici” presso ITACA e dal Coordinamento tecnico delle Regioni per la prevenzione nei Luoghi di Lavoro”. Il manuale, oltre ad aiutare gli operatori del settore per la corretta applicazione della norma, chiarisce anche gli aspetti legati alla determinazione dei costi della sicurezza, che ha rappresentato fonte di contenzioso tra imprese ed amministrazioni aggiudicatrici sin dalla emanazione del decreto legislativo 494/96.

Edilizia Sostenibile – Protocollo ITACA

Aggiornato il Protocollo ITACA cosiddetto "Sintetico" per la valutazione energetico-ambientale di un edificio. Il nuovo decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192 di recepimento della direttiva comunitaria sul rendimento energetico nell'edilizia, ha comportato un aggiornamento dei criteri di valutazione relativi ai consumi energetici. Predisposto anche uno specifico programma per il calcolo relativo alle schede di valutazione del Protocollo.

Testo Unico sugli Appalti Pubblici

Norme per la qualificazione e la semplificazione della programmazione, progettazione, affidamento, realizzazione e collaudo di appalti pubblici di forniture, servizi e lavori. Testo adottato dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e Province autonome il 13 marzo 2003.